Aosta Capitale - 16 giugno 2020, 18:11

Aosta: Rischio usura da crisi post Covid, l'Osservatorio per la legalità alza la guardia

Aosta: Rischio usura da crisi post Covid, l'Osservatorio per la legalità alza la guardia

Un' occasione "per fare il punto sul pericolo che nel sistema economico locale famiglie e imprese valdostane cadano vittime di attività usuraie da parte della criminalità organizzata". Questo ha rappresentato, per la Presidente del Consiglio comunale di Aosta, Sara Favre, la riunione (la prima dopo la fine della fase emergenziale dell’epidemia da Covid-19) svoltasi ieri in videoconferenza dell’Osservatorio comunale permanente per la legalità e la lotta alla criminalità organizzata, istituito il 21 novembre2018 e presieduto dalla stessa Favre.

 

Sara Favre

 

 

 

 

"I rappresentanti delle Forze dell’Ordine in seno all’Osservatorio - spiega la Presidente dell'organismo comunale - hanno sottolineato la necessità di mantenere alta la soglia di attenzione, puntando sull’aspetto preventivo. Dalla discussione svolta è emersa quindi la necessità di sollecitare la Regione e le Istituzioni in generale affinché continuino a svolgere un ruolo di sostegno attivo alle famiglie e alle imprese, e che ciò venga fatto in maniera semplice e facilmente accessibile, a cominciare dall’annunciato terzo pacchetto di aiuti anticrisi attualmente all’esame delle Commissioni consiliari in attesa del voto in Consiglio Valle, in particolare facilitando quanto più possibile l’accesso alle misure e al credito, semplificando le procedure, e investendo risorse in una comunicazione, riguardante il pacchetto di aiuti, che sia tanto chiara quanto esaustiva".

La convocazione di ieri era stata prevista da un Ordine del giorno approvato all’unanimità dall’Assemblea comunale lo scorso 27 maggio. La parte impegnativa del documento, infatti, prevedeva di riunire l’Osservatorio della legalità, “nel più breve tempo possibile, perconcordare le strategie più opportune da mettere in atto e trasmetterle al prefetto percontrastare l’espansione del fenomeno usura”.

Oltre che da Favre l'Osservatorio è composto da un rappresentante della Guardia di Finanza, della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, dal Comandante della Polizia Locale, dal Segretario generale del Comune e Responsabile anticorruzione e trasparenza, da un rappresentante ciascuno per l’Azienda Usl VdA, per l’associazione Libera contro le mafie', per le organizzazioni sindacali Cisl, Savt e Cgil, nonché da un rappresentante della Giunta e da tre consiglieri, due per la maggioranza e uno di minoranza.

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:

SU