/ SANITÀ, SALUTE E STARE BENE

SANITÀ, SALUTE E STARE BENE | 11 giugno 2020, 15:56

Tutto quello che c'è da sapere sulla app Immuni

Tutto quello che c'è da sapere sulla app Immuni

Superati i disagi dei giorni scorsi, anche in Valle è scaricabile gratuitamente dall’App Store (iOS) o Play Store (Android) del proprio smartphone l’ormai 'famosa' e altrettanto discussa app Immuni.

Si tratta di un innovativo supporto tecnologico fornito dal Ministero della salute utile per il tracciamento delle persone che sono stati possibili contatti stretti di casi positivi da virus Covid-19 come misura per il contenimento del virus stesso. È stato sviluppato nel rispetto della normativa italiana e di quella europea sulla tutela della privacy.

Tutte le informazioni utili sul funzionamento del sistema sono disponibili sul sito www.immuni.italia.it

Per chiarimenti, cittadini e operatori sanitari possono rivolgersi anche al numero verde 800 91 24 91, attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20. Saranno a disposizione anche 2 caselle di posta (per cittadini e operatori) che il Ministero  dovrebbe comunicare a breve.

Nell’intero sistema dell’app non sono presenti e non saranno registrati nominativi e altri elementi che possano ricondurre all’identità della persona positiva o di chi abbia avuto contatti con lei, bensì codici alfanumerici. L’impiego dell’applicazione, volontario, ha lo scopo di aumentare la sicurezza nella fase di ripresa delle attività produttive.

Come funziona l'app Immuni

Quando l’operatore sanitario della struttura di Igiene e sanità pubblica del dipartimento di prevenzione della Usl, al riscontro di un nuovo caso positivo per Covid-19, effettua l’indagine epidemiologica per la ricerca dei contatti avuti dalla persona dotata di app,  lo stesso operatore chiederà all’interessato se  dichiara di aver scaricato l’applicazione e, nel caso affermativo, con il suo consenso potrà richiedere al soggetto positivo lo scarico dalla app di un codice alfanumerico OTP a 10 cifre e inserire tale codice nel sistema della tessera sanitaria (TS). Dopo che l’operatore avrà inserito il codice nel sistema TS, il cittadino dovrà confermare il suo consenso entro due minuti e mezzo dall’invio del codice da parte dell’operatore sanitario (se l’operazione fallisce o passa più tempo deve essere richiesto un nuovo codice).

Il sistema invierà, a questo punto, una notifica agli utenti con i quali il caso positivo è stato a stretto contatto, chiedendo loro di rivolgersi tempestivamente al proprio medico di medicina generale o pediatra di libera scelta per ricevere le indicazioni sui passi da compiere, utenti che potranno anche contattare il numero verde regionale 800-122-121 che fornirà loro le informazioni e le eventuali prescrizioni necessarie.

 

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore