/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 30 maggio 2020, 07:52

Il mondo dello spettacolo è in ginocchio, 'ripensare eventi culturali e artistici'

PRUDENZA IL CORONAVIRUS E' IN AGGUATO -

Il mondo dello spettacolo è in ginocchio, 'ripensare eventi culturali e artistici'

E' uno dei settori economici più in crisi perchè più di altri soffre l'impossibilità di 'vendere' le proprie offerte in regime di emergenza contagio da Covid-19. E' il mondo dello spettacolo, degli organizzatori di eventi e manifestazioni culturali e artistiche, i cui rappresentanti valdostani hanno incontrato ieri Patrizia Morelli (Av) e Pierluigi Marquis (Sa), consiglieri regionali presidenti della Quinta e della Seconda commissione del Consiglio Valle per un confronto sulla possibile ripresa delle attività.

"L'offerta culturale va di pari passo con l'offerta turistica - hanno commentato Morelli e Marquis in una nota al termine delle audizioni - cultura e ricettività sono due settori strategici per l'attrattività del nostro territorio ed è difficile pensare ad una estate senza eventi culturali e sportivi, che naturalmente dovranno essere ripensati in funzione della contingenza attuale. La cultura ci ha salvati dall'isolamento durante il lockdown ed è più che mai necessaria in vista della ripartenza".

Le audizioni, spiegano i due presidenti di Commissione, "hanno confermato le criticità che stanno attraversando le associazioni culturali e sportive e gli organizzatori di eventi. Criticità derivanti dalla sospensione totale delle varie attività durante la fase del lockdown ma anche dall'incertezza della ripartenza". Le Commissioni "si uniscono all'appello lanciato dalle associazioni e hanno deliberato di sentire al più presto il Presidente della Giunta, Renzo Testolin, nella sua veste di assessore alla Cultura per chiarire questi aspetti e capire come si potranno prendere in carico le problematiche evidenziate nel terzo pacchetto di misure anti-crisi".

red. pol.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore