/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 29 maggio 2020, 14:46

Calenda surclassa Renzi: Se si alleasse con il Pd è accreditato al 9,6%

PRUDENZA IL CORONAVIRUS E' IN AGGUATO - Con il 3,2%, infatti, Azione sorpassa Italia Viva, fermo al 3%. È quanto emerge da un sondaggio di Euromedia Research.

Calenda surclassa Renzi: Se si alleasse con il Pd è accreditato al 9,6%

Crolla la Lega, calano Pd e Cinquestelle, continua l’ascesa di Fratelli d’Italia che mette nel mirino il Movimento di Beppe Grillo e quasi doppia Forza Italia. E’ quanto emerge da un sondaggio Euromedia Research commissionato dall’agenzia Dire, condotto con 2mila interviste telefoniche e via web tra un campione prestratificato.

In calo la Lega (al 24,6%) che perde dalle europee del 2019 9,7 punti; il Pd (20,8) che perde 1,9 punti. Fdi guadagna 7,5 punti rispetto alle europee e si assesta al 14%; quasi il doppio rispetto a Forza Italia (7,8) che perde 1 punto. Il Movimento 5 stelle perde 1,7 punti ed e’ al 15,4%. Piu’ Europa (1,6) perde 1,5 punti; i Verdi calano dello 0,8 e raccolgono l’1,5% dei consensi. Sinistra italiana guadagna 0,1 e arriva all’1,8%.

Il centrodestra unito (compreso lo 0,8% di Cambiamo di Toti) e’ al 47,7% e prevale nettamente sul centrosinistra al 31,1. Azione di Carlo Calenda supera Italia Viva di Matteo Renzi, andandosi a collocare primo tra i partiti nati dopo le elezioni europee del 2019. Azione, al 3,2%, supera Italia Viva ferma al 3. Calenda e’ cosi’ sopra a tutti gli altri partiti minori: Toti ha lo 0,8%; i Verdi l’1,5; Mdp 1%; Sinistra italiana 1,8. Azione di Carlo Calenda potrebbe valere il triplo se, alle elezioni, si presentasse alleato del Pd. E’ quanto emerge da un sondaggio EuromediaResearch commissionato dall’agenzia Dire, condotto con 2mila interviste telefoniche e via web tra un campione prestratificato tra il 20 e il 21 maggio.

Alla domanda “Carlo Calenda e’ il leader del movimento politico Azione. Lei pensa che potrebbe votarlo in un prossimo futuro o esclude di poterlo fare?” il 3,1% degli intervistati risponde “si’, in ogni caso”. La percentuale raddoppia fino al 6,6 per la risposta “si’, se si presentasse da solo (con un’operazione di rottura e un posizionamento indipendente)”. Addirittura triplica se Calenda si alleasse al centrosinistra: il 9,6 degli elettori lo sceglierebbe “se si presentasse in alleanza col Partito democratico all’interno dell’area di centrosinistra (componente liberaldemocratica)”.

Il totale dei disposti a votarlo e’ il 19,3%; mentre il 68,6 dice “no”. Inoltre, il 28,9% degli intervistati e’ convinto che “Carlo Calenda ha maggiori possibilita’ di risultare vincente e/o di emergere politicamente e mediaticamente” se alleato del Pd e del centrosinistra. La percentuale scende al 20,9 per un Calenda che si presenta da solo. Per quanto riguarda la fiducia calcolata su competenza, credibilita’ e capacita’ di ricoprire un ruolo, Calenda e’ apprezzato a livello trasversale: 32,3% fra gli elettori del Pd, dal 18,3% di quelli di Forza Italia e dal 15,9 di Fratelli d’Italia.

red.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore