/ ECONOMIA

ECONOMIA | 11 maggio 2020, 17:00

Diritti e doveri dei consumatori nel tempo del coronavirus

PRUDENZA IL CORONAVIRUS E' IN AGGUATO - Le chiusure forzate hanno avuto anche un grave impatto sui consumatori che non erano in grado di ricevere servizi e non potevano esercitare i loro diritti

Diritti e doveri dei consumatori nel tempo del coronavirus

La crisi determinata dalla Pandemia ha radicalmente cambiato le nostre solite vite; Nonostante l'allentamento iniziale, molti divieti limitano ancora la vita di tutti i giorni. Per proteggere la salute, negli ultimi mesi sono state vietate molte attività: scuola, università, corsi, eventi culturali, palestre, ... - l'elenco è lungo. 

Solo i servizi "essenziali", come l'acquisto di cibo e medicine, erano garantiti; gradualmente verranno aggiunte più aperture come parte della fase 2. Sullo sfondo di questo allentamento, molti consumatori si chiedono ora cosa accadrà ai servizi che sono già stati pagati ma non apprezzati.

Tra l'altro, queste chiusure forzate hanno avuto anche un grave impatto sui consumatori che non erano in grado di ricevere servizi e non potevano esercitare i loro diritti. 

Ma la crisi non si ferma al mondo del lavoro e delle aziende. In questo contesto, è difficile trovare una soluzione reciprocamente giusta. 

Esempio di sistemazione in hotel prenotato: l'hotel è chiuso, il servizio non può essere utilizzato.

Il consumatore ha il diritto - puramente legalmente - di essere rimborasato degli rimborsare gli importi già pagati (il servizio non può essere fornito, il servizio a pagamento non può essere utilizzato). 

Tuttavia, la società ha anche subito danni perché l'hotel ha dovuto rimanere chiuso senza che la società fosse in colpa.  Il modo migliore sarebbe quello di trovare una soluzione reciprocamente accettabile in tutti questi casi, nell'ambito di ciò che è possibile.

Da un punto di vista giuridico , in caso di inadempienza contrattuale nel caso di servizi reciproci, si applicano le disposizioni dell'articolo 1463 codice civile sulla "impossibilità successiva" :
nel caso di contratti con servizi reciproci, la parte esentata a causa della successiva impossibilità del servizio dovuto non può richiedere il corrispettivo e ne ha uno che lo ha già ricevuto ai sensi della normativa sul recupero di un debito.

Il principio di base: chiunque abbia pagato per un servizio e non lo riceva ha diritto a un rimborso.

È vero che l'imprenditore ha subito un danno senza essere responsabile della situazione, ma trattenere l'importo ricevuto sarebbe un arricchimento senza motivo. Allo stesso modo, i consumatori hanno diritto al rimborso delle somme versate, ma non al risarcimento: come affermato, l'imprenditore non è in colpa.
Se una soluzione reciprocamente accettabile può essere trovata con la società, dovrebbe essere brevemente scritta e accettata da entrambi (anche tramite scambio di posta).

Se un primo tentativo non ha esito positivo, dovresti assolutamente dare seguito (questa volta tramite posta raccomandata) e, se necessario, chiedere consiglio e aiuto.
Importante: se un contratto rateale è allegato al contratto stesso, includere sempre la società finanziaria nella corrispondenza.
Se, d'altra parte, ti viene chiesto di pagare per un servizio che non è stato o non è stato completamente eseguito, dovresti assolutamente rispondere per iscritto.
Se il pagamento è stato effettuato con carta di credito, può valere la pena provare a richiedere l'importo ripartito alla società della carta di credito (il cosiddetto "chargeback").  In molti di questi casi parliamo di importi in cui andare in tribunale  non sempre è utile.- i processi richiedono molto tempo, hanno un esito incerto e comportano costi considerevoli. Quindi  proviamo a risparmiare tempo  e denaro cercando una soluzione   conciliativa.  Soluzione che   se porta  a  un accordo oltre l'equità legale deve essere giusta  in tutte le  circostanze determinatesi  causa Coronavirus.

Asili, mense scolastiche, aule scolastiche

Poiché i servizi non sono attualmente accessibili ai bambini (scuola materna, asilo nido), non sono previsti pagamenti per il periodo inutilizzato; gli importi già pagati possono essere recuperati. Lo stesso vale per i pasti scolastici e le case degli studenti.

Skipass

Gli operatori delle piste da sci hanno dovuto chiudere prematuramente la stagione invernale. Chiunque abbia acquistato un abbonamento o un abbonamento giornaliero non utilizzato può reclamare la parte non utilizzata.

Corsi (corsi di lingua, tutoraggio, corsi di cucina  ecc.

I corsi in loco sono vietati, quindi nessun pagamento è dovuto per il tempo inutilizzato. Ciò non si applica se il corso è offerto in una modalità diversa e le ore continuano - ad esempio tramite piattaforma video o simili. Se esiste la possibilità di un'ulteriore visita e se i consumatori hanno la possibilità di utilizzarlo effettivamente (sussistono prerequisiti tecnici e le ore non si svolgono durante l'orario di lavoro, ecc.).

I pagamenti devono continuare ad essere effettuati perché il servizio deve essere considerato come fornito .
Se è stato stipulato un prestito rateale per il pagamento del corso, il pagamento può anche essere interrotto se il servizio non è stato eseguito, tuttavia, la società finanziaria deve anche essere correttamente informata (tra le altre cose, deve essere specificato il motivo del mancato pagamento delle rate). 

Palestre, piscine, centri benessere, centri culturali. 

Palestre, piscine, centri benessere e centri culturali sono attualmente chiusi e un rimborso è disponibile anche per la parte inutilizzata del servizio.
Qui, tuttavia, è importante dare un'occhiata più da vicino all'abbonamento con l'azienda. Con un numero fisso di voci, queste possono essere semplicemente utilizzate dopo la scadenza dei divieti. Se anche questo abbonamento ha una data di scadenza (durata o data), deve essere posticipato di conseguenza.
Se, d'altra parte, l'abbonamento si riferisce a un periodo (mese o anno, con voci illimitate), la società potrebbe offrire un'alternativa per annullare l'abbonamento per il periodo inutilizzato e riavviarlo dalla fine dei divieti.

Gli abbonamenti per le palestre - in particolare quelli a lungo termine - sono spesso pagati con prestiti rateali. Anche in questo caso, la società finanziaria deve essere informata di un'interruzione dei pagamenti e il motivo deve essere indicato.

Concerti, spettacoli teatrali, biglietti Musei ed eventi vari
Attualmente tutti gli eventi in queste aree sono stati cancellati e i musei sono chiusi. Chiunque abbia già acquistato il biglietto per un evento annullato a causa di coronavirus ha diritto a un rimborso del prezzo. Tuttavia, se l'evento è stato posticipato, non è previsto alcun rimborso.

Eventi sportivi  

Anche questi eventi sono stati cancellati. Chiunque abbia un abbonamento o abbia già acquistato un biglietto ha diritto a un rimborso del prezzo o della parte non utilizzata. Ogni azienda può anche offrire un "recupero", ad esempio per i giochi a cui non si può partecipare. 

Celebrazioni (es. Diplomi, compleanni, ecc.) Poiché non sono consentite riunioni, tali celebrazioni non sono consentite. Se sono già stati stipulati contratti (fiori, fotografo, catering, ...) e l'evento non può più aver luogo, questi possono essere annullati a causa delle restrizioni nel contesto del virus corona, poiché il servizio è diventato impossibile; gli importi già pagati possono essere recuperati.   

bruno albertinelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore