/ ATTUALITÀ ECONOMIA

ATTUALITÀ ECONOMIA | 09 maggio 2020, 21:10

L'assessore non coinvolge i sindacati nelle scelte politico sanitarie

PRUDENZA IL CORONAVIRUS E' IN AGGUATO - Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl: "A differenza di quello che dice l'assessore Baccega, le organizzazioni sindacali non vengono coinvolte nelle scelte strategiche della sanità valdostana e questo è molto grave. In un momento di emergenza sanitaria, come questo, ancora di più"

L'assessore non coinvolge i sindacati nelle scelte politico sanitarie

I sindacati si dicono "sbigottiti dalle ultime dichiarazioni dell’assessore alla sanità Mauro Baccega, che evidentemente parla di fatti che non coincidono con la realtà". E' quando affermano Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, in riferimento al fattao che l'assessore ha detto: "Ho sempre avuto rapporti chiari, trasparenti e di sereno confronto su tutte le tematiche di programmazione con tutte le categorie sindacali”.

Dichiarazioni quest'ultime non veritiere. "Se il rapporto chiaro è quello di aver risposto solo pochi giorni fa a una lettera, inviata da noi il 1ºaprile inerente all’apertura della struttura di Morgex da adibire all’emergenza Covid-19".

O dell’ultima videoconferenza con i vertici dell’azienda, che in sintesi hanno fatto capire che non fosse così importante parlare delle strategie aziendali con le organizzazioni sindacali, ma che era importante in primis dare risposte ai cittadini. Il recente comunicato dei primari la dice lunga su questo aspetto e fa capire come viene visto il confronto con le forze sindacali, come se si volesse far intendere che parlare con i sindacati sia una perdita di tempo. È chiaro, quindi, che abbiamo un'idea diversa di "sereno confronto" e di "rapporti chiari e trasparenti".

"Da quando è iniziata l’emergenza Covid-19 in Valle d’Aosta - proseguono i sindacati - abbiamo denunciato imperterriti l’atteggiamento poco collaborativo e costruttivo da parte dell' Azienda Usl e dell'Assessorato alla Sanità. Baccega gestisce un assessorato in una pubblica amministrazione, non può pensare di fare e disfare senza un coinvolgimento delle parti sociali".

Nella nota sindacale si legge ancora: "È sotto gli occhi di tutti, come l’emergenza sanitaria non sia stata gestita nel migliore dei modi e la dimostrazione di questo è proprio il fatto di non aver proceduto con i tamponi a tappeto al personale sanitario. Qual è la paura quella di rimanere senza personale? La vita e la salute di tutti i lavoratori devono essere considerati priorità. E invece da parte dell’Assessorato alla Sanità abbiamo evidenziato un atteggiamento tipico di chi, pur sapendo, fa finta di non sapere".

Per i sindacati le ultime dichiarazioni dell'assessore "non fanno altro che rimarcare ciò che è avvenuto in questi ultimi due mesi. È chiaro come il sindacato dia fastidio, ma noi continueremo imperterriti a batterci per i diritti dei lavoratori e dei cittadini. E la salute è un diritto!".

red. pi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore