/ Speciale Saison Culturelle

Speciale Saison Culturelle | 10 aprile 2020, 16:30

L’emergenza ferma la Saison culturelle si lavora per una possibile ripartenza ad ottobre

RESTIAMO A CASA – Organizzatori al lavoro per verificare le possibilità di recuperare gli spettacoli e le proiezioni cinematografiche tra ottobre e dicembre prossimi. Annullata anche la 70ᵃ edizione dell’Assemblea regionale di canto corale

L’emergenza ferma la Saison culturelle si lavora per una possibile ripartenza ad ottobre

La Saison culturelle 2019 – 2020 abbassa le saracinesche almeno sino al prossimo ottobre. Lo hanno comunicato con una sorta di lettera aperta a spettatori, abbonati e appassionati gli organizzatori unitamente al Presidente della Regione nelle sue funzioni di Assessore alla Cultura.

‘Tutti gli eventi  - scrivono - sono stati sospesi per Decreto sino al 13 aprile e, al contempo, l’auspicato ritorno alla normalità sarà presumibilmente un percorso graduale, peraltro ancora ignoto, che obiettivamente non consentirà di riprendere l’attività programmata prima del termine dello stato di emergenza nazionale ad oggi stabilito al 31 luglio 2020.’

In questo periodo gli organizzatori stanno riprogrammando tutti gli spettacoli e le proiezioni cinematografiche della Saison Culturelle 2019-2020, originariamente calendarizzati nel periodo 6 marzo – 15 maggio 2020, nei prossimi mesi di ottobre, novembre e dicembre, fermo restando che nel caso ciò non fosse possibile gli eventi non riprogrammati entro il 31 dicembre 2020 risulteranno conseguentemente annullati.

L’ipotetico recupero degli spettacoli tra ottobre e dicembre prossimi lascia presumere che anche sulla Saison 2020 – 2021 si avranno ripercussioni dell’emergenza Covid 19. Il Governo regionale ha inoltre annullato la 70ᵃ edizione dell’Assemblea di canto corale e nelle prossime settimane deciderà sulle altre manifestazioni  culturali dell’estate.

Per quanto riguarda i biglietti e abbonamenti già venduti gli organizzatori della rassegna lavorano perché possano essere considerati validi per la nuova data posticipando, ad un periodo successivo alla riprogrammazione, il limite di tempo previsto per chiedere il rimborso dei biglietti o dei ratei non goduti degli abbonamenti e per ottenere il voucher, previsto per legge.

‘Oltre a queste comunicazioni che possiamo definire “di servizio”, dicono i responsabili della rassegna  - ci teniamo a sottolineare che la Saison Culturelle oltre a riconoscere alla cultura una presenza stabile e vitale sul territorio, sostiene un rilevante sistema economico attorno al quale gravitano, a titolo esemplificativo e non esaustivo, numerosi operatori economici: artisti, costumisti, truccatori, tecnici audio e suono, grafici, pubblicitari, strumentisti, trasportatori, albergatori, ristoratori, facchini, registi.’

‘In un momento così delicato – è l riflessione degli organizzatori - la cultura può fornire un importante punto di riferimento e può diventare una fondamentale risorsa di relazione; tendiamo a dare per scontata la sua esistenza, come diamo per scontato il fatto di respirare, di bere o di poter liberamente circolare per strada. Ma, i tempi ce lo insegnano, come l’aria, l’acqua e le libertà individuali, la cultura è fragile e preziosa, e spesso ce ne rendiamo conto solo “in negativo”, quando è compromessa.’

‘Appena avremo ulteriori informazioni,  - conclude la lettera aperta - le invieremo per email a tutti i possessori di biglietto o abbonamento e saranno pubblicate sul sito www.regione.vda.it e sui mezzi di comunicazione. Come sempre sarà nostra cura fornire le nuove date degli spettacoli non appena disponibili.’

La biglietteria presso il Museo Archeologico Regionale  di piazza Roncas rimarrà chiusa fino a nuova comunicazione. Per informazioni è possibile scrivere all'indirizzo email m.mariotti@regione.vda.it o consultare il  Sito internet www.regione.vda.it.

red. spe./ab

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore