/ L'arrière pensée

In Breve

lunedì 25 maggio
martedì 19 maggio
lunedì 11 maggio
martedì 05 maggio
lunedì 27 aprile
lunedì 20 aprile
Gemelle diverse
(h. 10:59)
lunedì 13 aprile

L'arrière pensée | 06 aprile 2020, 10:30

Ma la Chambre valdôtaine chi rappresenta?

RESTIAMO A CASA -

Ma la Chambre valdôtaine chi rappresenta?

Nello suo statuto la Chambre valdotaine viene definita come l’ente locale (…) che svolge funzioni di supporto e promozione degli interessi generali per il sistema economico della Regione Autonoma Valle d'Aosta. Successivamente tra le funzioni assegnate vi sono quelle del supporto all’internazionalizzazione delle imprese valdostane, allo sviluppo della cooperazione, le pari opportunità, etc.

Ora, apprendiamo dalle notizie di stampa che la Chambre partecipa ad un tavolo tecnico, costituito dal Presidente Prefettissimo, insieme ai sindacati e ad una serie di rappresentanti delle strutture dell’Amministrazione regionale al fine di favorire l’applicazione delle linee guida governative in materia di sicurezza sui luoghi del lavoro ai tempi del Covid-19 (anche in vista di una graduale riattivazione delle produzioni). Nulla quaestio sulla cosa, anche se forse l’ennesimo tavolo non aiuterà di certo l’organizzazione del futuro, soprattutto se consideriamo il successo che chez nous hanno avuto tavoli vari, task force e cabine di regia più o meno pletoriche. Ma come abbiamo potuto vedere nei giorni scorsi dalle sue lettere, il Presidente Prefettissimo ama molto i tavoli, così come le conferenze stampa.

Ma, tornando alla Chambre, c’è un dubbio che ci perseguita nella mente: che cosa rappresenta in definitiva questo ente che oggi partecipa ad un tavolo “di parte”, così come ieri si occupava della piantumazione natalizia di Piazza Chanoux? Non si capisce, infatti, perché in questo tavolo (come in altri), la Chambre sembri rappresentare le varie associazioni che la compongono, così come i sindacati partecipano giustamente a difesa delle loro “parti”. Ma la Chambre è dunque anche una specie di super-associazione-di-categoria? Pensiamo proprio di no. È finanziata dalla Regione, dai diritti camerali delle aziende e non da una parte specifica!

Perché dunque a questo tavolo non ci sono proprio quelle associazioni che hanno la vera rappresentanza “di parte” e che possono fare il loro dovere come lo fanno i sindacati nell’interesse dei loro tesserati? Forse la Chambre, proprio in questa fase, dovrebbe stare maggiormente vicina alle imprese ed a tutto il tessuto economico valdostano, proprio in quanto ente che supporta gli interessi generali del medesimo.

Temiamo che anche in questo caso la politica (o le future aspirazioni di qualcuno) vada lasciata fuori dalla porta della Chambre e di certi tavoli o Consigli di Amministrazione, e non stiamo parlando soltanto di questo ultimo caso.

Père Joseph

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore