/ CRONACA

CRONACA | 01 aprile 2020, 17:57

Coronavirus: Continua a salire il numero dei morti; siamo quota 59 e 631 contagiati

RESTIAMO A CASA - In Italia numeri da capogiro. Nei primi 21 giorni di marzo al Nord i decessi sono più che raddoppiati rispetto alla media 2015-19.. Covid-19, Speranza: “Confermate misure di contenimento fino al 13 aprile.

Coronavirus: Continua a salire il numero dei morti; siamo quota 59  e 631 contagiati

Non si arresta l'aumento dei morti per il coronavirus Covid-19 in Valle d'Aosta. Secondo il bollettino dell'Unità di crisi i decessi sono 59 (ieri erano 504), di cui 40 uomini e 19 donne (età tra 58 e 100 anni).

I contagiati sono 631, tra cui 112 ricoverati all'ospedale Parini di Aosta (26 in Rianimazione) mentre gli altri sono in isolamento domiciliare. I guariti sono due. Infine sono 2.767 le persone per le quali i sindaci hanno predisposto un'ordinanza per "isolamento domiciliare precauzionale", sotto sorveglianza medica.

IN ITALIA

Sono complessivamente 80.572 i malati, con un incremento di 2.937. Ventiquattro ore prima l'incremento era stato di 2.107. Il numero complessivo dei contagiati - comprese le vittime e i guariti - è di 110.574. Sono 13.155 i decessi, con un aumento rispetto a ieri di 727. Martedì l'aumento era stato di 837.

Intanto sono dati drammatici quelli che arrivano oggi dall'Istat. Nei primi 21 giorni di marzo - dice l'Istituto - al Nord i decessi sono più che raddoppiati rispetto alla media 2015-19. Il dato emerge dalla nota esplicativa che accompagna i dati sulla mortalità in Italia.

 

 

 

Covid-19, Speranza: “Confermate misure di contenimento fino al 13 aprile. La strada è ancora lunga e non dobbiamo abbassare la guardia perché senza il vaccino non potremo sconfiggere definitivamente il virus”

l ministro della Salute Roberto Speranza è intervenuto oggi al Parlamento, nella mattina al Senato e alle 17 alla Camera  con una informativa sull’emergenza da Covid-19. Il ministro ha annunciato la decisione  del Governo di confermare  fino al 13 aprile tutte le misure di limitazione delle attività economiche e sociali e degli spostamenti individuali, precedentemente adottate.
Non solo non dobbiamo abbassare la guardia – ha sottolineato il ministro – ma per un periodo non breve occorrerà gestire la transizione, graduando le misure e conservando le pratiche adottate per evitare nuovi focolai: è l'unica strada realistica e praticabile per riaccendere i motori dell'economia e riconquistare libertà e socialità. L'Italia dovrebbe essere orgogliosa del lavoro fatto che è stato riconosciuto dall'OMS, con cui la relazione è continua e proficua.  

Il ministro è intervenuto anche sulle criticità incontrate e affrontate “Gli approvvigionamenti di dispositivi di protezione  - ha detto Speranza - sono stati molto difficili a causa delle misure protezionistiche e della mancanza di produzione italiana. Ad oggi la Protezione civile ha concluso un accordo con la Cina e altri Paesi per la fornitura di 300 milioni di mascherine (la priorità sarà data al personale sanitario) e avremo una filiera nazionale che renda autosufficiente il Paese. Sono cambiate le modalità di distribuzione dei dispositivi con l'impiego di mezzi della difesa. I posti letto di terapia intensiva sono stati portati a 9.081, i posti letto di pneumologia sono stati triplicati. Sono stati superati i tetti ordinari per le assunzioni di personale e aggiornate le linee di indirizzo degli ospedali (aumento dei Covid hospital, percorsi separati, riprogrammazione delle strutture non utilizzate, individuazione di tutte le possibili strutture pubbliche o private, implementazione del 112 e 118, definizione di accordi con enti e volontariato, riorganizzazione della rete territoriale per la presa in carico dei pazienti, monitoraggio e setting assistenziali).

Il ministro è intervenuto anche su vaccini e farmaci in sperimentazione sottolineando “L'Agenzia del farmaco si è attivata su quattro livelli: promozione di studi clinici e valutazione centralizzata e coordinata, lista di farmaci per il trattamento dell'infezione, contrasto della carenza di medicinali, informazione sui farmaci. Il Ministro è impegnato sul fronte della massima vigilanza per evitare speculazioni a danno dei malati. Occorre tornare a sviluppare con gli ospedali la rete dei servizi territoriali ed è necessaria una rinnovata integrazione tra politiche sanitarie e sociali. L'emergenza ha dimostrato che il Servizio sanitario universale, istituito nel 1978, che ha dato attuazione all'articolo 32 della Costituzione, è il patrimonio più prezioso e su di esso bisogna investire: assumerlo come tema per la ripresa strategica è il modo migliore per onorare le vittime.

Nella sua informativa Speranza ha voluto sottolineare anche quanto sia prezioso il nostro servizio sanitario nazionale “L'emergenza ha dimostrato che il Servizio sanitario universale, istituito nel 1978, che ha dato attuazione all'articolo 32 della Costituzione, è il patrimonio più prezioso e su di esso bisogna investire: assumerlo come tema per la ripresa strategica è il modo migliore per onorare le vittime”.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore