/ Chez Nous

In Breve

martedì 07 luglio
sabato 04 luglio
Bolsonari
(h. 12:50)
mercoledì 01 luglio
sabato 27 giugno
Tundra valdostana
(h. 12:00)
sabato 20 giugno
venerdì 19 giugno
sabato 13 giugno
Horror vacui
(h. 12:00)
giovedì 11 giugno
sabato 16 maggio
Caro Alberto
(h. 12:00)

Chez Nous | 05 febbraio 2020, 05:00

Il Sindaco Centoz chieda scusa e si dimetta

Il Sindaco Centoz, Marco Sorbara e Valerio Lancerotto

Il Sindaco Centoz, Marco Sorbara e Valerio Lancerotto

"Dagli elementi emersi dall'attività della Commissione di indagine prefettizia, successivamente condivisi in sede di Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, non sussistono i presupposti di legge per giungere allo scioglimento del Consiglio Comunale e al conseguente commissariamento dell'amministrazione di Aosta".

Ne prenda atto il sindaco rimembrando quante ne ha dette nei confronti di chi è coinvolto nell’inchiesta Geenna.

Il sindaco, è uno specialista nello scarica barile ma il tempo è galantuomo.

Il sindaco, è uno specialista a scaricare le sue responsabilità su altri. Tant’è che recentemente, come riportato da un quotidiano, ha detto di aver subito dall'Uv l’imposizione della candidatura di Marco Sorbara.

Il sindaco, ha detto che non può controllare tutti gli atti dell’Amministrazione.

Il sindaco, senza attendere nemmeno la conclusione del processo di primo grado ha gettato nella geenna chi ha contribuito alla sua elezione.

Ma lui ha mantenuto imperterrito la sua poltrona.

Il sindaco, non è una mammola né una verginella viste anche le sue esperineze amministrative; è un amministratore che il giorno dopo l' elezione ha nominato indebitamente il suo segretario generale ed i cittadini ne hanno subito le conseguenze.

Ma torniamo a bomba.

Avrà capito che “dagli elementi emersi dall'attività della Commissione di indagine prefettizia, successivamente condivisi in sede di Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, non sussistono i presupposti di legge per giungere allo scioglimento del Consiglio Comunale e al conseguente commissariamento dell'amministrazione di Aosta”.

Il sindaco, se non l’ha capito vuol dire che contrariamente ai sospetti non ci sono state infiltrazioni mafiose e doveva saperlo bene perché anche lui è stato intercettato.

Il sindaco, ha detto "Personalmente sono molto contento. E' stato certificato che il Comune di Aosta non ha subito infiltrazioni della 'ndrangheta".

Il sindaco, avrebbe dovuto anche dire che chi ha contribuito alla sua elezione non ha infiltrato ‘ndranghetista nell’amministrazione comunale.

Il sindaco, la sua poltrona l’ha conservata; altri stanno soffrendo pur sapendo di non aver infiltrato ‘ndranghetisti nell’Hotel de la Ville.

Il sindaco, chiarisca pubblicamente quello che il Segretario Generale, Donatella D’Anna, mise a verbale dal pm e cioè che il sindaco avrebbe detto di Marco Sorbara che era persona poco pulita.

Se non lo ricorda rilegga cosa ha pubblicato il Corriere della Sera.

Il sindaco,non ha mai smentito le affermazione contenute nella deposizione della sua ex Segretario Generale.

Per questo il sindaco dovrebbe chiedere scusa e dimettersi.

piero.minuzzo@gmail.com

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore