/ Aosta Capitale

Aosta Capitale | 25 marzo 2020, 21:59

L’OPINIONE DI CAMINITI: Consiglieri regionali e comunali rinuncino ai compensi

RESTIAMO A CASA - Cittadini che perdono denaro per questa grave situazione e politici che continuano a percepire denaro con le tasse dei cittadini crea veramente disagio

Vincenzo Caminiti

Vincenzo Caminiti

Mi trovo d'accordo con il presidente del Celva e anche con il presidente della Regione valle d'Aosta di  spostare le elezioni, vista l'emergenza sanitaria. Credo che l'autunno sia la possibilità più concreta e reale.  Guardando però al problema economico che si sta delineando soprattutto per le piccole e medie imprese, sarebbe opportuno che rimanessero in carica per quanta riguarda la Regione solo il Presidente e una parte  della giunta per mandare avanti l’ordinaria amministrazione mentre per gli enti locali solo i sindaci per lo stesso motivo, tutti gli altri eletti dovrebbero decadere alla data del 19 aprile (Regione) e 17  maggio (i Comuni in  scadenza).

Naturalmente non penso assolutamente che i consiglieri non  servano a nulla ma in questa situazione di emergenza dove, finita la legislatura non si convocheranno più  consigli; credo che solo i comuni si riuniranno ancora a marzo per l'approvazione dei bilanci e poi tutto  finito. Quindi penso che  qualche milione di euro che verrebbero risparmiati dalle decadenze di tutti i politici in  carica potrebbe essere destinato a tutte quelle attività che sono costrette a chiudere o a limitare  l'apertura al pubblico. Ecco allora che la creazione di un fondo per gli aiuti alle attività economiche che va ad  aggiungersi ai provvedimenti dello stato non farebbe che avvicinare le persone ad una politica più equa e  giusta con tutta la popolazione.

Cittadini che perdono denaro per questa grave situazione e politici che  continuano a percepire denaro con le tasse dei cittadini crea veramente disagio. Non si dica che “chi vuole  può farlo o io faccio già beneficenza” qui non si tratta di beneficenza ma di equità e dovrebbe essere un dovere.

Ognuno faccia la propria parte, la motivazione del rinvio delle elezioni e dovuta ad una emergenza e allora che sia emergenza per tutti.

Vincenzo Caminiti – consigliere comunale Aosta

 

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore