/ SANITÀ, SALUTE E STARE BENE

SANITÀ, SALUTE E STARE BENE | 24 marzo 2020, 14:07

Usl conferma anticipazioni Aostacronaca; carenza di farmaci. Presto un ospedale da campo

RESTIAMO A CASA - Sono in arrivo 50mila mascherine. !0mila sono già nella disponibilità. Recuperate da Maurizio Aiassa su sollecitazione dell'assesore regionale Mauro Baccega

Il dottor Pier Eugenio Nebiolo

Il dottor Pier Eugenio Nebiolo

Mancano farmaci curarici, sedativi e ipnotici in Rianimazione e reagenti per i test su Covid-19 in Laboratorio analisi. L’Azienda Usl comunica che è in corso una carenza di farmaci curarici e di sedativi e ipnotici, che vengono utilizzati nel reparto di Rianimazione per la sedazione e la ventilazione dei pazienti “intubati”. Lo ribadisce una nota dopo le anticipazioni di Aostacronaca. Possibile le informazioni ufficiali giungano dopo le anticipazioni giornalistiche.

Nella nota si legge ancora: "Sono in via di esaurimento anche le sostanze reagenti impiegate dal laboratorio analisi cliniche per i test su Covid-19". .“Questa situazione di grave difficoltà – spiega Pier Eugenio Nebiolo, direttore sanitario Usl – è analoga a numerose strutture sanitarie e ospedaliere in tutta Italia". Per la serie mal comune mezzo gaudio.

"Per fronteggiare questa criticità abbiamo attivato tutti i canali di approvvigionamento a livello nazionale e internazionale e stiamo valutando ogni possibile soluzione e alternativa. Purtroppo, rischiamo di dover affrontare anche possibili rallentamenti nell’attività delle strutture interessate”.

Valle d'Aosta prepara ospedale da campo

Sarà pronta domani la struttura che ospiterà un ospedale da campo ad Aosta, nel piazzale davanti alla stazione di partenza della telecabina Aosta-Pila. L'allestimento è gestito dalla Protezione civile. Sono 17 i tendoni che verranno montati nelle prossime ore. "La struttura - ha spiegato all'ANSA Pio Porretta, responsabile della Protezione civile valdostana - servirà come riserva nel caso in cui i posti letto all'ospedale Parini si esauriscano a causa dell'infezione da coronavirus".

Nel frattempo una buona notizia

Il medico Maurizio Aiassa, su sollecitazione, anche, dell'assessore regionale alla Sanità, Mauro Baccega, ha trovato un fornitore che ha messo a disposizione venduto 50.000 mascherine.

Oggi la Protezione Civile è andata a prendere un primo lotto di 10.000 mascherine.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore