/ FEDE E RELIGIONI

FEDE E RELIGIONI | 15 febbraio 2020, 00:10

Oggi sabato 15 febbraio saint Faustin et Jovite

“Lo sappiamo: la ricerca del potere ad ogni costo porta ad abusi e ingiustizie. La politica è un veicolo fondamentale per costruire la cittadinanza e le opere dell’uomo, ma quando, da coloro che la esercitano, non è vissuta come servizio alla collettività umana, può diventare strumento di oppressione, di emarginazione e persino di distruzione”. (Papa Francesco)

Oggi sabato 15 febbraio saint Faustin et Jovite

AGENDA DEL VESCOVO DI AOSTA MONS. FRANCO LOVIGNANA

Domenica 16 febbraio

Priorato di Saint-Pierre - ore 9.30

S. Messa e partecipazione ai lavori dell'Assemblea elettiva dell'Azione Cattolica

Seminario Maggiore - pomeriggio

Incontro Cresimandi zona quarta

Lunedì 17 febbraio

Vescovado - pomeriggio

Udienze

Martedì 18 febbraio

Vescovado - mattino

Udienze

Cattedrale - ore 20.45

S. Messa nell'anniversario della morte di don Giussani

Mercoledì 19 febbraio

Roma

Consiglio per gli Affari giuridici della CEI

Giovedì 20 febbraio

Vescovado - pomeriggio

Udienze

Venerdì 21 febbraio

Vescovado - ore 10.00

Riunione in vista dell'avvio dei lavori della Casa della Carità

Aosta, Circolo della Stampa - ore 20.00

Partecipazione alla Conferenza di don Tanzella

Lunedì 24 febbraio

Priorato di Saint-Pierre - mattino

Partecipazione all'incontro di Formazione del Clero

Martedì 25 febbraio

Vescovado - mattino

Udienze

Mercoledì 26 febbraio

Cattedrale - ore 18.00

S. Messa per il conferimento delle Ceneri

Giovedì 27 febbraio

Visita ai sacerdoti

Venerdì 28 febbraio

Aosta, Sala BCC - ore 20.45

Partecipazione alla Conferenza di fratel Michael Davide Semeraro

Le Messager Valdotain ricorda sabato 15 febbraio saint Faustin et Jovite

La Chiesa celebra  Santi Faustino e Giovita Martiri

La loro vita viene ricostruita, con l'aggiunta di diversi elementi leggendari, dalla «Legenda maior». Di storico vi è l'esistenza dei due giovani cavalieri, convertiti al cristianesimo, tra i primi evangelizzatori del Bresciano e morti martiri tra il 120 e il 134 al tempo dell'imperatore Adriano. La tradizione arricchisce di particolari il loro martirio. La loro conversione viene attribuita al vescovo Apollonio, lo stesso che poi ordina Faustino presbitero e Giovita diacono. Il loro successo nella predicazione, però, li espone all'odio dei maggiorenti di Brescia che invitano il governatore della Rezia Italico a eliminare i due col pretesto del mantenimento dell'ordine pubblico. La morte di Traiano, promotore della persecuzione, ritarda però i piani del governatore, che approfittando della visita del nuovo imperatore Adriano a Milano denuncia i due predicatori come nemici della religione pagana. Diversi eventi miracolosi li risparmiano dalla morte e spingono numerosi pagani - tra cui anche la moglie di Italico, Afra - a convertirsi. Portati a Milano, Roma e Napoli verranno decapitati infine a Brescia.

Il sole sorge alle ore 7,39 e tramonta alle ore 17,38.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore