/ CRONACA

CRONACA | 10 febbraio 2020, 20:48

Giornata europea del numero unico dell’emergenza; Porte aperte al 112

Martedì 11 febbraio, si celebra la Giornata europea dell'1 1 2, il numero unico che i cittadini possono utilizzare in Europa per chiedere soccorso in caso di emergenza

Giornata europea del numero unico dell’emergenza; Porte aperte al 112

Per l’occasione, nella sede della Protezione civile della Valle d’Aosta, dalle ore 9 alle ore 12, la popolazione potrà incontrare gli operatori per conoscere, direttamente sul campo, la loro attività quotidiana nella gestione delle chiamate di emergenza.

In Italia, l'1 1 2 è attivo in 8 Regioni con 12 Centrali uniche di risposta che servono oltre 30 milioni di cittadini: Valle d'Aosta, Liguria, Piemonte, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Sicilia e Lazio.

Nello scorso anno, il sistema ha registrato, a livello nazionale, 11 milioni di chiamate, rappresentando, quale primo momento di contatto con le persone che vivono situazioni di disagio o di pericolo, uno dei principali termometri della percezione della sicurezza del cittadino.A breve, sarà attivo in Emilia Romagna, Puglia, Sardegna e Toscana, con le quali, nel 2019, sono stati sottoscritti dal Ministero dell'Interno i protocolli d'intesa.

L'attivazione delle nuove Centrali uniche di risposta consentirà-di servire circa 44 milioni di utenti.La Centrale Unica di Risposta (CUR) della Valle d’Aosta è operativa dal 2017 e risponde a tutte le chiamate di emergenza garantendo un’unica prima risposta.

Nel 2019 la sede valdostana della CUR ha ricevuto 82 mila 524 chiamate, mediamente 226 al giorno, di cui 56 mila 148 sono state inoltrate alla Centrale Unica del Soccorso.

La CUR ha quindi ricoperto anche l’importante funzione di filtro tra le chiamate che necessitavano di un intervento e quelle non pertinenti, pari queste ultime al 31,96 per cento del totale.

Tra le chiamate del 2019 gestite dalla CUR, il 14,57 per cento era destinato ai Carabinieri, il 7,79 per cento alla Polizia, il 7,07 per cento ai Vigili del Fuoco e il 70,58 per cento ai sanitari del 118.

Chiamando il 1.1.2 un operatore localizza e identifica la posizione della persona che sta effettuando la chiamata, chiede il tipo di intervento di cui c’è urgente bisogno e collega entro brevissimo tempo la struttura operativa: Arma dei Carabinieri, Polizia di Stato, Vigili del Fuoco, Emergenza Sanitaria (e, attraverso la Centrale Unica del Soccorso, se necessario,  Protezione civile, Corpo Forestale della Valle d’Aosta, Soccorso Alpino Valdostano).

È possibile chiamare il numero 1.1.2 da qualsiasi telefono fisso o cellulare, anche senza scheda o senza credito. La chiamata, gratuita, è registrata per motivi di sicurezza.

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore