/ CRONACA

CRONACA | 04 febbraio 2020, 14:54

Al carnevale di Ivrea vanno in scena presunte molestie sessuali. Destituito il Generale Bombonato

Federica Ranieri Grijuela, Mugnaia 2019 dello Storico Carnevale d'Ivrea, interviene sulla bufera che ha investito la manifestazione eporediese, a seguito delle dimissioni di una vivandiera che sarebbe stata molestata dal Generale

Al carnevale di Ivrea vanno in scena presunte molestie sessuali. Destituito il Generale Bombonato

I carabinieri di Ivrea hanno aperto un'indagine sulle molestie che Alberto Bombonato, Generale del Carnevale 2020, avrebbe indirizzato ad una vivandiera che, in virtù di quelle avances, si è poi dimessa dal ruolo. La donna ha presentato una denuncia ai carabinieri. Si tratterebbe di molestie telefoniche, relative ad alcuni messaggi privati molto spinti che il Generale avrebbe inviato alla donna.  Classe 1972, perito assicurativo, una grande passione per manifestazioni e rievocazioni storiche – molte delle quali svolte con il Gruppo Storico I Credendari della città di Ivrea – e un grande amore per i cavalli, Alberto Bombonato si era detto «onorato dell’incarico assegnatomi a coronamento del percorso che finora ho svolto all’interno della manifestazione».

Sulla questioone è intervenuta anche la Fondazione Carnevale Storico di Ivrea che ha rimosso il Genarale.

In una nota si legge: "Le voci insistenti di eventuali comportamenti inappropriati del Generale Alberto Bombonato neiconfronti della Vivandiera Federica Di Matteo, causa delle dimissioni di quest’ultima, hanno creatoall’interno della città di Ivrea un clima non sereno che rende insostenibile il proseguimento dellacampagna da parte del Generale. Si è pertanto deciso di avviare tutti gli atti formali necessari perprocedere con la sostituzione del Generale Alberto Bombonato.

La Fondazione in questa vicenda, ripresa anche dagli organi di stampa e alimentata da una massiccia campagna social, ha mantenuto e continuerà a mantenere una posizione coerente, distinguendo in modo chiaro le voci dai fatti. La Fondazione ha sempre condannato ogni forma di violenza ed è pronta ad assumere provvedimenti, quando fosse necessario, a tutela del nostro Carnevale e delle figure storiche che ne sono protagoniste.

Fino ad oggi l’unico fatto certo emerso è un disagio che ha spinto Federica Di Matteo a rassegnare le dimissioni. I rumors hanno però arrecato un dannonon solo alle persone coinvolte, ma anche alle figure che esse stesse rappresentano all’interno del Carnevale e alla manifestazione nel suo insieme, che la Fondazione ha il compito primario disalvaguardare. La mancata conoscenza dei fatti reali ha portato alla diffusione di informazioni nonverificate e a titoli di giornale al limite della diffamazione.

Proprio per questo si è deciso di avviaretutti gli atti formali necessari per procedere con la sostituzione del Generale Alberto Bombonato, al fine consentirgli di difendersi nelle forme e nelle sedi che riterrà più opportune.

Il nostro Carnevale, valorizzando come eroina la figura della Mugnaia che si ribella alle angherie del tiranno,è stato precursore di temi così delicati come quelli rappresentati con coraggio oggi dal movimento#metoo in tutto il mondo e da Violetta La forza delle donne a Ivrea.

La Fondazione continuerà a sostenere queste battaglie e a difendere quei valori in cui tutti ci riconosciamo. La Fondazione si rammarica di come il fango e i gossip di questi giorni abbiano arrecato un danno a tutti e si augura che si possa presto tornare a parlare esclusivamente di Carnevale".

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore