/ Governo Valdostano

Governo Valdostano | 26 gennaio 2020, 18:00

Baccega propone emendamento Fattore Famiglia contro appesantimento economia familiare

Il Fattore Famiglia è uno strumento che permette di introdurre dei correttivi allo strumento ISEE nella definizione della situazione socio economica delle famiglie, facoltà prevista anche all’art. 2 del DPCM 159/2013

Baccega propone emendamento Fattore Famiglia contro appesantimento economia familiare

Introdurre maggiore equità, richiamando l’attenzione sull’impegno economico sostenuto dalle famiglie per la crescita e il mantenimento dei figli, anche con l’obiettivo di sostenere la natalità e di prevenire e contrastare situazioni di difficoltà.

E’ l’obiettivo dichiarato di un emendamento al Defr presentato dall’assessore regionale alla Sanità, Mauro Baccega “Il Fattore Famiglia – spiega l’assessore - aggiunge un coefficiente che, oltre a quanto certificato nell’ISEE, permette di tenere conto del carico familiare reale, considerando il numero dei familiari a carico e le situazioni che contribuiscono ad appesantire l’economia familiare (disabilità, vedovanza, monogenitorialità, ecc.)”.

Mauro Baccega

L’esigenza di applicare il Fattore Famiglia nasce dalla considerazione che “lo strumento ISEE non descrive in maniera esaustiva le caratteristiche economiche delle differenti tipologie di nuclei familiari”. Oggi, infatti, la “pesatura” attribuita ai diversi componenti del nucleo familiare nell’ISEE non corrisponde all’effettivo carico familiare. Spiega ancora Baccega: “Il Fattore Famiglia prevede l’utilizzo di scale di equivalenza in grado di differenziare ad esempio tra adulti, bambini, persone portatrici di handicap, minori di 26 anni a carico ed altre caratteristiche che permettono una precisa identificazione del beneficiario, nonché la valutazione delle risorse realmente disponibili della famiglia”.

La Giunta regionale, con deliberazione n. 567 del 7 maggio 2018, ha approvato la realizzazione, da parte della cooperativa sociale “Economics Living Lab”, spin-off del Dipartimento di Scienze economiche dell’Università degli Studi di Verona, di uno studio di fattibilità finalizzato all’adozione del “Fattore famiglia” in Valle d’Aosta. E’ già stata simulata una sperimentazione su alcuni servizi che prevedevano tariffe di accesso e su alcuni contributi economici, la quale ha fornito riscontri positivi rispetto all’impatto dello strumento.

In Sintesi il FATTORE FAMIGLIA definisce

-Un nuovo indicatore socio economico da adottare

-Piani tariffari sui servizi di pubblica utilità adeguati alle reali condizioni dei nuclei familiari e assicura una offerta equa e sufficiente dei servizi sociali e pubblici e riduce la dispersione di risorse pubbliche.

-Risponde ad una domanda di maggiore equità nella distribuzione di risorse per il welfare;

L’obiettivo è verificare i reali mezzi di una famiglia secondo l’ISEE quindi tenendo conto della composizione dei nuclei familiari (figli minori di 26 anni, eventuali disabilità ecc.)

Si deve tener conto del reddito reale della famiglia

Vengono introdotte anche misure di controllo all’elusione fiscale

OBIETTIVI

Equità sociale

Lotta alla morosità

Sulla base della sperimentazione che potremo proporre per quanto riguarda i servizi all’infanzia, con uffici e quadri al completo, nel 2021 si potrà proporre la stesura di un piano integrato per la famiglia.

red. pol.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore