/ FEDE E RELIGIONI

FEDE E RELIGIONI | 25 gennaio 2020, 09:00

PAPA: Per una narrazione vera che parli del bene e del bello degli uomini

PAPA: Per una narrazione vera che parli del bene e del bello degli uomini

È dedicato al tema della narrazione, perché «abbiamo bisogno di respirare la verità delle storie buone», il messaggio pontificio per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, pubblicato venerdì 24 gennaio, memoria di san Francesco di Sales, patrono della stampa cattolica.

Prendendo spunto da un passo del libro dell’Esodo — «Perché tu possa raccontare e fissare nella memoria» (10, 2) — il Papa rimarca la necessità di «storie che edifichino, non che distruggano», attraverso «una narrazione umana, che ci parli del bello che ci abita»; mentre purtroppo — è la sua denuncia — c’è «ancora oggi chi si serve del cosiddetto storytelling per scopi strumentali», di storie che «narcotizzano» e fanno diventare «avidi di chiacchiere e di pettegolezzi», consumatori di «violenza e falsità».

Ma, osserva Francesco, «mentre le storie usate a fini strumentali e di potere hanno vita breve, una buona storia è in grado di travalicare i confini dello spazio e del tempo». Ecco allora l’importanza del «Ri-cordare... portare al cuore» rilanciata dal Papa, con un’ulteriore sottolineatura: quella che «anche quando raccontiamo il male», occorre «lasciare lo spazio alla redenzione».

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore