/ Aosta Capitale

Aosta Capitale | 14 gennaio 2020, 11:01

Aosta: La Giunta Centoz prima taglia gli alberi e poi appalta la sostituzione

L'Albero respira, si nutre, cresce e si riproduce: un albero è un essere vivente, parte fondamentale e “attiva” del nostro ambiente e della nostra cultura. Difendere gli alberi significa difendere il nostro benessere, in campagna e in città, così come la nostra memoria

Aosta: La Giunta Centoz prima taglia gli alberi e poi appalta la sostituzione

In piazza della Repubblica ad Aosta sono stati tagliati quattro o cinque alberi. Ora rimane il vuoto. Sono stati tagliati, ha spiegato il consigliere comunale Giampaolo Fedi (Rete Civica), su segnalazione degli  agronomi incaricati per i quali erano malati e in via di disseccamento.

Ce ne sono altri 2 malati ma sperano si salvino. Stanno predisponendo un appalto per sostituirli, insieme ad altri luoghi di Aosta dove le piante sono state tagliate, con nuovi alberi. Viene spontaneo chiedersi se prima di tagliarli non era il caso di bandire l’appalto e fare la sostituzione immediata.

“Avere una città più verde è però una scelta politica e non solo tecnica e – spiega Fedi (nella foto) - negli scorsi Consigli abbiamo chiesto la ridefinizione del piano del verde. Vedremo; anche se ormai tutto passerà in mano ad una nuova amministrazione, speriamo più sensibile a questo aspetto”.

Eppure si legge nel sito del Comune di Aosta che negli ultimi anni, il verde in città è sempre più considerato un patrimonio di valore, un vero e proprio tessuto connettivo che rende la città più piacevole, più vivibile, insomma, più a misura d'uomo. Ma mai come da cinque anni a questa parte è stato abbandonato.

E ancora si legge nel sito: Due sono le priorità che l'Amministrazione comunale si è data in questo campo: poter rispondere sia alle esigenze manutentive continue e imprescindibili del proprio patrimonio verde (tagli, potature, irrigazioni, concimazioni, sostituzioni di piante e fiori secchi, nuove piantumazioni, cure colturali, miglioramento delle dotazioni strutturali nella sfera dell'arredo urbano e quant'altro), sia intervenire nel ripristino di aree degradate.

Negli ultimi cinque anni nulla di tutto questo è stato fatto se non tagliare gli alberi.

Senza gli alberi la vita sulla Terra sarebbe impossibile. Può sembrare una frase banale ma è la realtà. Le specie vegetali infatti forniscono l’ossigeno fondamentale alla nostra esistenza e sono al contempo una parte essenziale della catena alimentare e di sostentamento per le specie del nostro pianeta.

Non solo: grazie ai loro processi di respirazione e fotosintesi, gli alberi aiutano a combattere il riscaldamento climatico assorbendo l’anidride carbonica e contribuiscono alla pulizia dell’aria, incamerando inquinanti come ozono, ossidi di nitrogeno e biossidi di zolfo.

Inoltre, gli alberi sono utili nella conservazione dell’acqua e nel prevenire l’inquinamento idrico (assorbendo le sostanze nocive dalla pioggia e rilasciando invece acqua pulita in natura). Infine, gli alberi salvaguardano argini e terreni dall’erosione del suolo, fattore di estrema importanza in un Paese come il nostro spesso vittima di dissesti idrogeologici.

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore