/ Speciale Saison Culturelle

Speciale Saison Culturelle | 11 gennaio 2020, 20:00

Il canto di Ulisse è la storia eterna dell’Occidente

Lo spettacolo di Marco Paolini e Francesco Nicolini ‘Nel tempo degli Dei, il calzolaio di Ulisse’ in scena mercoledì 15 e giovedì 16 gennaio, alle 21, al Teatro Splendor di Aosta per la sezione Teatro della Saison culturelle

Marco Paolini in scena

Marco Paolini in scena

Nato come Odissea tascabile, lo spettacolo Nel tempo degli Dei, il calzolaio di Ulisse, di Marco Paolini e Francesco Nicolini Nel tempo degli Dei, il calzolaio di Ulisse, in scena mercoledì 15 e giovedì 16 gennaio, alle 21, al Teatro Splendor di Aosta per la Saison culturelle, è cresciuto nel tempo, nei suoni e nello spazio: è diventato olimpico e quasi alpino.

Perché Ulisse più lo conosci e più ti porta lontano: e la distanza (celeste e marina) è la condizione essenziale per comprenderlo e cantarlo. Perché di questo si tratta: un canto. Forse “il canto”. Antico di tremila anni, passato di bocca in bocca, e di anima in anima: il soul per eccellenza. Perché questa è la storia dell’Occidente, e tutto contiene: dal primo istante, quando nulla esisteva, e un giorno cominciò a esistere, a partire proprio da quelle misteriose, ambigue, capricciose entità che questa storia muovono: gli dèi.

Ex guerriero ed eroe, Ulisse si è ridotto a calzolaio viandante, che da dieci anni cammina verso non si sa dove con un remo in spalla, secondo la profezia che il fantasma di Tiresia, l’indovino cieco, gli fa nel suo viaggio nell’al di là, narrato del X canto dell’Odissea.

Questo Ulisse pellegrino e invecchiato non ama svelare la propria identità e tesse parole simili al vero. Si nasconde, inventa storie alle quali non solo finisce col credere, ma che diventano realtà e addirittura mito. Questo e molto altro, sotto le mentite spoglie di un calzolaio - anzi, del calzolaio di Ulisse, uno straniero dai sandali sdruciti, indurito dagli anni, dall’età, dai viaggi e dai naufragi - racconta il protagonista a un giovanissimo capraio incontrato apparentemente per caso. Parlano lungo un sentiero in ripida ascesa, dove una fila infinita di uomini formica faticosamente arranca, trasportando - è proprio il caso di dirlo - ogni ben di Dio: perché quello è il sentiero che conduce fino allo Chalet Olimpo, dimora divina dove sono in corso i preparativi per una grande e misteriosa festa. Ma tutto questo, il calzolaio con il remo in spalla, lo deve ancora scoprire.

‘Con quanti, ma soprattutto con quali dèi ha a che fare un uomo oggi? –si chiede Paolini - Non penso ovviamente alle solide convinzioni di un credente, ma al ragionevole dubbio di chi guardando al tempo in cui vive, pensa con stupore e disincanto alle possibilità di accelerazione proposte alla razza umana. Possibilità di lunga vita, possibilità di potenziamento mentale e fisico, possibilità di resistenza alle malattie.

Restare umani sembra uno slogan troppo semplice e riduttivo, troppo nostalgico e rassicurante quando diventare semidèi appare un traguardo possibile, almeno per la parte benestante del pianeta. Ulisse per me è qualcuno che di dèi se ne intende e davanti alle sirene dell’immortalità sa trovare le ragioni per resistere.'

Nel tempo degli dei il calzolaio di Ulisse

regia di Gabriele Vacis

con Marco Paolini

e con Saba Anglana

Elisabetta Bosio

Vittorio Cerroni

Lorenzo Monguzzi

Elia Tapognani

red. spe./ab

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore