/ ECONOMIA

ECONOMIA | 09 gennaio 2020, 11:00

Anita Mombelloni nuovo direttore prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro

L’incarico decorre dal 01 gennaio 2020 ed è stato conferito in seguito alla quiescenza dell’ingegner, Agostino Roffin, direttore della struttura dal 1991

Anita Monbelloni

Anita Monbelloni

La SC SPRESAL rappresenta l’organo di vigilanza competente sui luoghi di lavoro e sulle attività ubicati sul territorio regionale. Nell’ambito della promozione della salute, lo SPRESAL si occupa della predisposizione del piano per la prevenzione dell’abuso di alcol sui luoghi di lavoro, partecipa alle attività dello Sportello Unico della Prevenzione, è attivo nell’ambito della formazione e informazione in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Le aree di intervento specifiche sono l’area della prevenzione, l’Area verifiche tecniche, l’Area di Polizia giudiziaria e di vigilanza e l’Area autorizzativa.

Agostino Roffin

Anita Mombelloni, laureata in Chimica e Tecnologie farmaceutiche con specializzazione in Tossicologia, ha prestato servizio come Dirigente chimico presso l’unità operativa Chimica dell’Usl dal 1988 al 1996, presso l’ARPA della Valle d’Aosta dal 1997 al 2000 e dal 2001 al marzo 2008 presso il Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli ambienti di lavoro dell’Usl Valle d’Aosta (SPRESAL). Dal 2008 al 31.12.2019 ha diretto il Servizio di Prevenzione e Protezione.

La SC SPRESAL è l’organo di vigilanza competente sui luoghi di lavoro e sulle attività ubicati sul territorio regionale. Le aree di intervento specifiche sono l’area della prevenzione, l’Area verifiche tecniche, l’Area di Polizia giudiziaria e di vigilanza e l’Area autorizzativa.

L’Area della Prevenzione si occupa degli infortuni sul lavoro, delle malattie professionali, delle notifiche preliminari ai cantieri e delle bonifiche da amianto. L’Area delle verifiche tecniche si occupa di verificare la rispondenza delle norme di alcune tipologie di impianti tra cui quelli per il sollevamento di carichi, gli ascensori e i montacarichi, impianti elettrici e a pressione. L’Area della vigilanza concentra la propria attività su questioni pertinenti alla Polizia Giudiziaria, come le inchieste sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie professionali, collabora alle inchieste su delega della Procura della Repubblica e su eventuali accertamenti di reato su segnalazione della Autorità giudiziaria, esegue specifici provvedimenti delegati dall’Autorità giudiziaria (interrogatori, sequestri, notifica di atti, ecc.), esegue sopralluoghi negli ambienti di lavoro, campionamenti ambientali e indagini strumentali di igiene del lavoro.

All’Area delle autorizzazioni compete il nulla-osta per la demolizione e la rimozione di materiali contenenti amianto, all’utilizzo di locali di lavoro con particolari caratteristiche (sotterranei, interrati ecc.), alla costruzione o all’ampliamento di edifici da adibire ad attività industriali, ecc.

Tra le attività svolte dallo SPRESAL vi è lo sviluppo di piani di intervento dei progetti di bonifica e smaltimento dell’amianto nell’edilizia, la partecipazione al piano regionale di controllo ufficiale sul commercio ed impiego dei prodotti fitosanitari rivolto alle aziende agricole e florovivaistiche, il piano di prevenzione e vigilanza nel settore dell’agricoltura e della silvicoltura, la prevenzione e vigilanza nei settori che presentino rischi significativi per determinati distretti del corpo umano e l’applicazione del REACH (Registration, Evaluation, Authorisation, Restriction of Chemicals) e CLP (Classification Labelly Packaging) sul territorio valdostano.

Nell’ambito della promozione della salute, lo SPRESAL si occupa della predisposizione del piano per la prevenzione dell’abuso di alcol sui luoghi di lavoro, partecipa alle attività dello Sportello Unico della Prevenzione, è attivo nell’ambito della formazione e informazione in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore