/ ATTUALITÀ POLITICA

ATTUALITÀ POLITICA | 04 gennaio 2020, 11:09

Dai No Tav della Valle d'Aosta solidarietà a Nicoletta Dosio

Nicoletta Dosio, 73 anni, già prof. di latino e greco, è stata portata in carcere per scontare una condanna di un anno, per un atto di disobbedienza civile, non violenta

Dai No Tav della Valle d'Aosta solidarietà a Nicoletta Dosio

"La lotta contro il TAV in Val di Susa è una battaglia per la  democrazia: per proporre un impiego più razionale e eguale del  denaro pubblico (in favore dei treni per i tanti pendolari e non  per i TAV per pochi ricchi), per difendere l’ambiente da un’opera  inutile e dannosa (anche per il riscaldamento climatico) e per  rivendicare il diritto alla partecipazione popolare". Lo si legge in un volantino dei No Tav VdA, che ribadiscono: "È noto che la ‘ndrangheta voglia il TAV per speculare sui cantieri, ma ad essere arrestati sono i cittadini che si oppongono".

Nicoletta Dosio, 73 anni, già prof. di latino e greco, è stata  portata in carcere per scontare una condanna di un anno, per  un atto di disobbedienza civile, non violenta.

Queste le sue parole: «Sto bene, sono contenta della scelta  che ho fatto perché è il risultato di una causa giusta e bella,  la lotta NoTav che è anche la lotta per un modello di società  diverso e nasce dalla consapevolezza che quello presente  non è l’unico dei mondi possibili.  Sento la solidarietà collettiva e provo di persona cosa sia una  famiglia di lotta. L’appoggio e l’affetto che mi avete dimostrato  quando sono stata arrestata e le manifestazioni la cui eco mi è  arrivata da lontano, confermano che la scelta è giusta e che  potrò portarla fino in fondo con gioia.  Parlo di voi alle altre detenute e ripeto che la solidarietà data a  me è per tutte le donne e gli uomini che queste mura insensate  rinchiudono.  In questo stesso carcere ci sono anche altri cari compagni, Giorgio, Mattia e Luca che sento più che mai vicini e abbraccio.  Un abbraccio ed un bacio a tutte e tutti voi.  Siamo dalla parte giusta.  Avanti NoTav!»   

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore