/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 20 dicembre 2019, 08:00

Salvatore Luberto confermato presidente Lilt Valle d’Aosta

Il nuovo progetto “Shiatsu in oncologia”: trattamento non convenzionale per il controllo di ansia, dolore e insonnia nella persona sottoposta a terapia oncologica

Salvatore Luberto confermato presidente Lilt Valle d’Aosta

Lo scorso 1 dicembre anche la Sezione Valdostana della Lilt ha eletto il nuovo Consiglio Direttivo, per il quinquennio 2020 -2024 composto da Salvatore Luberto, Maria Rosa Berti, Giovanni Donati, Onorina Mongerod e Roberto Rolland.

Successivamente, il 9 dicembre, gli eletti hanno unanimemente confermato Salvatore Luberto alla presidenza, nonché definita la vicepresidenza a Maria Rosa Berti, Medico-Chirurgo, senologa. L'Assemblea ha inoltre eletto il Collegio dei Revisori Contabili, suffragando i commercialisti Oscar Betral, Simone Sartori e Massimo Terranova. Il nuovo Collegio ha indicato il dr. Simone Sartori come Presidente.

Sull’intera penisola, le 106 Sezioni Provinciali sono state coinvolte nel rinnovo dei propri statuti e organismi dirigenti, così da adeguarsi al nuovo Codice del Terzo Settore previsto dal D. Lgs 117/2017.

Il nuovo Consiglio direttivo valdostano ha definito le linee programmatiche delle attività e delle iniziative da realizzare per i prossimi cinque anni, al fine di promuovere e consolidare la cultura della prevenzione oncologica. Tra le priorità quella di rafforzare sul territorio la presenza della LILT Valle d’Aosta, anche mediante l’istituzione delle delegazioni comunali. Continuerà, quindi, l'impegno nell'ambito della prevenzione primaria, attraverso la sensibilizzazione della popolazione all'adozione di stili di vita sani che rappresentano lo strumento più efficace per combattere i tumori.

Così come quello di rafforzare le azioni di prevenzione secondaria, fondamentali per una diagnosi precoce dei tumori a cui si accompagna una maggiore possibilità di guarigione. A tal fine si intende proseguire anche per i prossimi anni il progetto per prevenire il tumore al seno tra le giovani donne ed estendere le visite dermatologiche alle località più geograficamente svantaggiate, generalmente penalizzate sul fronte della prevenzione oncologica.

Pari attenzione sarà data alla prevenzione terziaria, cioè al farsi carico delle problematiche che insorgono durante il percorso di vita di chi ha sviluppato un cancro attraverso pratiche quali l’assistenza domiciliare, la riabilitazione fisica e psichica e il reinserimento sociale e occupazionale del malato oncologico. Infine sono state confermate tutte le iniziative, ormai consolidate, della LILT Valle d’Aosta: Collaborazione con l’Azienda USL Valle d’Aosta per l’Assistenza domiciliare ai malati oncologici avanzati. Collaborazione con l’Azienda USL Valle d’Aosta per l’Assistenza in Hospice e nel day Hospital oncologico. Partner dell’Azienda USL Valle d’Aosta per l’attuazione dello screening del colon retto. Progetti per la lotta al tabagismo in età scolare.

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore