/ AMBIENTE

AMBIENTE | 12 dicembre 2019, 11:21

Courmayeur: L'Alpinismo è patrimonio Unesco, centrato l'obiettivo di Fabrizia Derriard

Fabrizia Derriard presentò il progetto durante la premiazione dei Piolte d'Or nel 2011

Fabrizia Derriard presentò il progetto durante la premiazione dei Piolte d'Or nel 2011

Pensata e proposta in Consiglio comunale nel 2011 dall'allora sindaco di Courmayeur, Fabrizia Derriard, la candidatura dell'alpinismo a patrimonio Unesco è ora realtà. La Commissione speciale dell'organizzazione dell'Onu ha infatti iscritto nella lista dei beni immateriali dell'Unesco l'alpinismo, definito come 'l'arte di scalare le montagne e le pareti rocciose, grazie a capacità fisiche, tecniche e intellettuali'.

Il riconoscimento è avvenuto in occasione della Giornata internazionale della Montagna. Iniziato dunque da Derriard e dall'ex sindaco di Chamonix, Erik Fournier, il percorso di candidatura è stato sostenuto in maniera sinergica da Italia, Francia e Svizzera, con il coordinamento dei Comuni di Courmayeur e di Chamonix.

"L'iscrizione dell'Alpinismo - aveva spiegato nel 2011 il primo cittadino di Courmayeur - consentirebbe di porre l'accento, a livello internazionale, nazionale e locale, sulla profonda interdipendenza tra patrimonio culturale e patrimonio naturale, uno dei principali motori della convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale dell'Unesco".

La formalizzazione dell'iniziativa chiude un percorso avviato nel 2011 nell'ambito dei Piolets d'or, manifestazione internazionale dedicata alle migliori imprese alpinistiche. All'incontro di Parigi, ultimo adempimento prima del deposito della candidatura che sarà valutata dall'Unesco entro il 2019, hanno partecipato il sindaco di Courmayeur, Stefano Miserocchi e i rappresentanti del Museo nazionale della Montagna del Cai di Torino.

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore