/ AGRICOLTURA

AGRICOLTURA | 05 dicembre 2019, 17:00

L’allevamento caprino in Valle d’Aosta Realtà e prospettive

L’Osservatorio sul sistema montagna “Laurent Ferretti” della Fondazione Courmayeur Mont Blanc, in collaborazione con l’Institut Agricole Régional ed il Censis, organizza il prossimo 9 dicembre, presso la Cave expérimentale Joseph Vaudan dell’Institut Agricole Régional, l’Incontro dibattito Éleveurs grimpants. L’allevamento caprino in Valle d’Aosta. Realtà e prospettive

L’allevamento caprino in Valle d’Aosta  Realtà e prospettive

Costituire un momento di approfondimento su realtà e prospettive  dell’allevamento caprino di montagna, con il coinvolgimento di rappresentanti delle istituzioni,  ricercatori, operatori del settore e della ristorazione. E’ l’obiettivo del seminario in programma la Cave expérimentale Joseph Vaudan dell’Institut Agricole Régional

“L’Osservatorio sul sistema montagna della Fondazione ̶ sottolinea il presidente del Comitato  scientifico, Lodovico Passerin d’Entrèves ̶ da anni approfondisce il legame tra il territorio di  montagna e le sue produzioni agricole, in sinergia con enti ed istituzioni operanti in Valle d’Aosta,  nell’arco alpino, e, in generale, nel Paese. Nel biennio 2016-2017 l’attività si è focalizzata sulla  viticoltura di montagna e, in particolare, sui giovani valdostani che hanno avviato quest’attività  imprenditoriale. Nel biennio 2018-2019 l’Osservatorio della Fondazione ha dato continuità  all’iniziativa realizzando, in collaborazione con il Censis e l'Institut Agricole Régional, un  programma di attività volto ad esplorare il mondo dell’allevamento caprino in Valle d’Aosta, con  particolare riferimento all’attività dei giovani allevatori”. 

L’Incontro dibattito è l’occasione per illustrare i risultati del progetto biennale. In particolare, verrà  presentato lo studio L’allevamento caprino in Valle d’Aosta: un’opportunità ed una passione  per i giovani, realizzato da Marco Baldi e Andrea Amico, ricercatori del Censis, e trasmesso, in  anteprima, il docufilm Una nuova passione antica: racconti di giovani allevatrici valdostane,  realizzato da Éloïse Barbieri. 

Il programma dei lavori prevede, dopo i saluti del presidente dell’Institut Agricole Régional, René  Benzo, del presidente del Comitato scientifico della Fondazione Courmayeur Mont Blanc, Lodovico Passerin d’Entrèves, e dell’Assessore al Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e  Beni culturali, Laurent Viérin, la presentazione dello studio L’allevamento caprino in Valle  d’Aosta: un’opportunità ed una passione per i giovani a cura di Marco Baldi, responsabile Area  Economia e Territorio della Fondazione Censis.

L’Incontro è, anche, l’occasione per un confronto con la realtà trentina, mediante la testimonianza  di Nicoletta Delladio, titolare di un’azienda agricola che opera presso il Lago di Tesero, nella Val  di Fiemme.

A seguire la proiezione, in anteprima, del docufilm Una nuova passione antica: racconti di  giovani allevatrici valdostane, volto a testimoniare le loro passioni e difficoltà.

L’ultima sessione dell’Incontro è dedicata al Dibattito, moderato da Mauro Bassignana, direttore  della sperimentazione dell’Institut Agricole Régional, con il coinvolgimento di rappresentanti delle  istituzioni, di operatori del settore e della ristorazione. Interverranno Alessandro Rota, dirigente  Politiche regionali di sviluppo rurale, Assessorato Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni  culturali, Regione Autonoma Valle d’Aosta; Paolo Oreiller, dirigente Flora e fauna, Assessorato  Ambiente, Risorse naturali e Corpo forestale, Regione Autonoma Valle d’Aosta; Diego Bovard,  coordinatore tecnico, AREV - Association Régionale Éleveurs Valdôtains; Paolo Griffa, chef  Ristorante Petit Royal, Grand Hôtel Royal e Golf, una stella Michelin (Courmayeur); Laura  Roullet, maître de maison, Bellevue Hôtel & Spa, Ristorante Le Petit Bellevue, una stella Michelin  (Cogne); Marzia Verona, allevatrice di capre, scrittrice e blogger. 

Il docufilm sarà trasmesso il 9 dicembre, alle ore 20.00, nell’ambito della programmazione della  RAI Valle d’Aosta. 

red. agri.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore