/ Governo Valdostano

Governo Valdostano | 25 novembre 2019, 17:27

Arredi storici di Castel Savoia entrano nel patrimonio culturale regionale

Arredi storici di Castel Savoia entrano nel patrimonio culturale regionale

Si arricchiscono di valore storico e culturale, le collezioni d'arte della Regione con l'approvazione, da parte della Giunta regionale, dell’acquisizione di alcuni arredi che originariamente appartenevano a Castel Savoia di Gressoney-Saint-Jean.

Si tratta di due librerie con scaffali aperti e vano centrale chiuso che vennero realizzate nel corso dei lavori di arredamento delle sale del castello tra il 1903 e il 1904 da Michele Dellera, noto ebanista e intagliatore attivo alla corte dei re d’Italia. A questi pezzi importanti vanno aggiunti i lampadari e la scrivania con relativa sedia con decoro alla certosina, e l’interessantissima centralina telefonica, che conferma la volontà della Regina Margherita di attrezzature tecniche all’avanguardia per l’epoca.

"In questi anni abbiamo messo in campo una serie di azioni per valorizzare al meglio il nostro patrimonio culturale - dichiara l’assessore Laurent Viérin (nella foto) - e con l’acquisto di questi arredi interveniamo ulteriormente a sostegno di Castel Savoia perché rappresenta uno dei nostri beni monumentali più apprezzati e visitati dai turisti".

Il castello fu realizzato in stile 'eclettico' dal 1899 al 1904 per volere della regina Margherita di Savoia, che soggiornava a Gressoney ospite dei baroni Beck Peccoz già dal 1889. Sorge ai piedi del Colle di Ranzola nella località denominata 'Belvedere', in ragione della splendida vista che da domina l'intera vallata fino al ghiacciaio del Lyskamm. La posa della prima pietra dell’edificio avvenne il 24 agosto 1899 alla presenza di re Umberto I, che fu assassinato a Monza un anno dopo e non vide la conclusione dei lavori. Il Castello Savoia ospitò la Regina durante i suoi soggiorni estivi fino al 1925, un anno prima della sua morte, che avvenne a Bordighera il 4 gennaio 1926. Dopo l’acquisto nel 1936 da parte dell’industriale milanese Moretti, il castello divenne proprietà della Regione nel 1981.

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore