/ CRONACA

CRONACA | 22 novembre 2019, 16:33

Superato limite metallo potenzialmente cancerogeno in discarica Pompiod

La concentrazione di antimonio superava, seppur di poco, la soglia massima consentita. L'elemento è stato trovato all'interno di scorie di fonderia, che rientravano tra le tipologie di rifiuti ammessi nella discarica di Pompiod a determinate condizioni. Dopo un primo test che aveva dato esito positivo, ne è stato effettuato un secondo in contraddittorio con la ditta produttrice del rifiuto, come previsto dalla normativa

Superato limite metallo potenzialmente cancerogeno in discarica Pompiod

C'è troppo antimonio nella discarica di Pompiod, sequestrata martedì scorso dalla Guardia di Finanza e dal Corpo forestale valdostano nell'ambito di un'inchiesta per danno ambientale e inquinamento.

L'antimonio è un metallo dall'elevato potenziale tossico che è però presente tuttoggi in diversi prodotti in quantità minime. In particolare l'antimonio triosside è ritenuto cangerogeno per gli esseri umani. A rifirerire alla Forestale il superamento dei limiti di accettazione del parametro Antimonio bassi è stata l'Arpa VdA, che ha fornito ieri i risultati di una campionatura effettuata ad inizio settembre sui rifiuti in ingresso nella discarica di inerti di Pompiod.

Il Corpo forestale precisa in una nota che oggi venerdì 22 novembre "i rifiuti controllati, in attesa dei risultati delle analisi, sono stati accumulati in una apposita area, distinti dagli altri rifiuti", ed evidenzia che ora "saranno avviate le procedure previste dalla legge affinché il produttore provveda a ritirare i rifiuti ed avviarli presso una discarica abilitata".

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore