/ INTEGRAZIONE E SOLIDARIETÀ

INTEGRAZIONE E SOLIDARIETÀ | 15 novembre 2019, 17:00

Quattro panchine rosse ed una pièce per dire 'no' alla violenza

Un simblo della campagna antiviolenza, la panchina rossa

Un simblo della campagna antiviolenza, la panchina rossa

Nel mese di novembre avranno luogo quattro inaugurazioni di Panchine rosse e l’iniziativa “Io.. tu.. Noi! Insieme possiamo farcela”, realizzate nell’ambito della campagna antiviolenza 2019 promossa dalla Regione. La Panchina Rossa, si inserisce all’interno di un percorso di riflessione e di sensibilizzazione progettato dall’associazione Donne Latino-Americane della Valle d’Aosta “Uniendo Raices” onlus che partecipa agli Stati Generali delle Donne VdA, in collaborazione con le Istituzioni scolastiche, gli Enti locali e le associazioni del territorio.

L’inaugurazione delle Panchine Rosse prenderà il via alle 10 di sabato16 novembre nei giardinetti pubblici di Pont-Saint-Martin; domenica 24 novembre si terrà alle 17 nel Comune di Gignod nel piazzale della Chiesa; alle 16 di venerdì 29 novembre la cerimonia avrà luogo a Saint Pierre nei giardini pubblici di Chévreyron.

Lunedì 25 novembre alle 21 nella sala Maria da. Viglino di Palazzo regionale sarà rappresentata la pièce “Io.. tu.. Noi! Insieme possiamo farcela”, frutto della collaborazione tra l’associazione Donne Latino-Americane Uniendo Raices, il Centro donne contro la violenza di Aosta, il servizio Arcolaio, l’Ufficio della Consigliera regionale di parità e il Tavolo tecnico permanente Corresponsabilità educativa e Legalità con la finalità di diffondere la cultura del rispetto dell’altro facendo conoscere il punto di vista maschile in materia di prevenzione della violenza contro le donne.  

"Coinvolgere e informare le giovani generazioni e le loro famiglie in tema di violenza di genere, vuole porre l’accento sul ruolo e sul valore che la donna ha nella società, educando al contempo al rispetto e alla riflessione.  Nessuno si illude che una panchina rossa e una rappresentazione teatrale possano cambiare il destino della donna, si tratta di  azioni da sviluppare nelle nostre comunità per contribuire nel quotidiano ad affermare la cultura del rispetto” sottolineano l’assessore regionale all’Istruzione, Chantal Certan e Laura Ottolenghi, Consigliera regionale di Parità.

a. bo.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore