/ ECONOMIA

ECONOMIA | 15 novembre 2019, 09:54

La Valle d’Aosta nel rapporto Nord Ovest del Sole 24 Ore

Focus su Valle d’Aosta regione green, con la Cva, la Compagnia valdostana acque che produce energia tutta carbon free

La Valle d’Aosta nel rapporto Nord Ovest del Sole 24 Ore

Stagione del turismo bianco al via. Il Nord Ovest è macroregione laboratorio. La sfida delle vacanze bianche si gioca su promozioni per gli skipass, pacchetti vacanza e rilancio degli investimenti in ricettività e strutture.

Il Rapporto pubblica anche un focus sulla sulla Valle d’Aosta regione green, con la Cva, la Compagnia valdostana acque che produce energia tutta carbon free. 

Questo e tanto altro sul Rapporto NordOvest in edicola con Il Sole 24 Ore di venerdì 15 novembre tutti i piani per rilanciare la montagna. Per gli operatori del settore in Piemonte la sfida è aumentare la disponibilità di posti letto e puntare sulle settimane bianche per superare i limiti del “turismo di prossimità”.

Nella Via Lattea ci sono 10.193 posti in albergo a fronte di 65mila disponibilità in seconde case. A Sestriere torna la Coppa del mondo, mentre Club Med si appresta a effettuare nuovi investimenti. La scommessa per la Valle d’Aosta è aumentare i collegamenti tra le vallate. Dal 2021 via al maxi collegamento senza sci tra Cervinia  e Zermatt. 

Sempre in tema natalizio, la storia della Monterosa Zelandi, che con i suoi stoppini per candele illumina il mondo da Novara. Puntata poi a Govone, il paese dedicato al Natale, premiato dall’Unione europea.Natale tempo di feste e di liquori, in particolare tradizionali.

Il Sole 24 Ore NordOvest fa il punto sulle iniziative per il rilancio delle tradizioni tra Liguria e Piemonte, ovvero dal gin al basilico al Vermouth Belle Epoque, passando per l’Amaro di Recco che sbarca in Australia. Per quanto riguarda credito e territorio, emblematico il caso della Banca Passadore.

I top manager illustrano le strategie che prevedono lo sbarco a Nord Est con l’obiettivo di servizi retail e di gestione di patrimoni, mentre l’istituto investe massicciamente in information technology e servizi welfare.

Sempre in tema di tecnologia, Alessandro Giglio racconta il passaggio dal business delle tv all’e-commerce con lo sbarco sulle tv cinesi per promuovere il made in Italy.

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore