INTEGRAZIONE E SOLIDARIETÀ | mercoledì 20 novembre 2019 18:54

INTEGRAZIONE E SOLIDARIETÀ | 08 novembre 2019, 14:22

M5S spinge la Valle d'Aosta a combattere gli sprechi alimentari

M5S spinge la Valle d'Aosta a combattere gli sprechi alimentari

Il Consiglio Valle ha approvato all'unanimità una convenzione per la lotta agli sprechi alimentari, presentata dal Movimento 5 stelle. Il testo impegna il Governo regionale a "rilanciare e promuovere le azioni e gli strumenti che mettano in contatto diretto i commercianti e i ristoratori con i consumatori".

Battaglia vinta per Luciano Massa, Maria Luisa Russo, Manuela Nassa e Luigi Vesan

"Vari Paesi europei e differenti comuni italiani - ha spiegato Maria Luisa Russo (M5S) - hanno deciso di attivare un processo virtuoso in cui, tramite un'applicazione con geolocalizzazione, i commercianti e i ristoratori sono messi in comunicazione con i consumatori: commercianti e ristoratori hanno l'opportunità di vendere l'invenduto a prezzi più bassi e i consumatori di acquistare a prezzi più vantaggiosi prodotti alimentari che altrimenti andrebbero buttati".

L'Assessore al commercio, Laurent Viérin (nella foto), ha osservato: "Quanto chiesto è già stato fatto: tra il 2012 e il 2018 sono stati realizzati dei progetti in collaborazione con la Regione Piemonte, anche per ottenere finanziamenti del Ministero dello sviluppo economico. Questi hanno permesso di realizzare iniziative nelle scuole, spazi di comunicazione e un progetto che ha preso forma nel sito www.unabuonaoccasione.it e nell'app Ubo, dedicati proprio alla lotta allo spreco alimentare. Siamo quindi disponibili a rilanciare e implementare il lavoro già fatto, anche attraverso esperienze come quelle dell'Emporio solidale o di altre iniziative di food sharing".

Da settembre 2016 l’Italia contrasta lo spreco alimentare grazie alla legge Gadda, la 166/16 che puntando su incentivi e riduzione della burocrazia, può contribuire in maniera concreta se non a ridurre tali povertà alimentari, quantomeno a garantire che a tutte queste persone arrivi cibo a sufficienza, attraverso la donazione e la distribuzione di prodotti ai fini della solidarietà sociale.

 

red.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore