/ TURISMO VALLE D'AOSTA

TURISMO VALLE D'AOSTA | 06 novembre 2019, 16:25

La Valle d'Aosta guarda alle piste ciclabili come strumento promozione turistica

La Valle d'Aosta guarda alle piste ciclabili come strumento promozione turistica

"Proseguire gli approfondimenti giuridici e amministrativi relativi alle questioni della responsabilità civile, nonché a valutare di addivenire alla mappatura dei possibili percorsi ciclabili su tutto il territorio valdostano, apponendo la dovuta segnaletica e specificando il grado di difficoltà, e di realizzare un'apposita applicazione scaricabile sugli smartphone".

E' l'impegno contenuto in una mozione - presentata da Lega Vda, gruppo misrto e Mouv', emendata in aula e approvata all'unanimità - riguardo alla realizzazione di un sistema diffuso di percorsi ciclabili sul territorio regionale.

Nicoletta Spelgatti (Lega VdA) ha evidenziato: "Le forme di turismo legate all'uso della bicicletta, soprattutto a seguito dell'esplosione del fenomeno dell'utilizzo delle bici con pedalata assistita, sono sempre più in espansione, ma la Valle d'Aosta nulla ha ancora fatto per rendersi attrattiva, nonostante le sue ricche potenzialità: non risultano censiti e mappati da parte dell'Amministrazione regionale percorsi destinati all'uso delle biciclette, non è stata sviluppata una rete diffusa di piste ciclabili, che potrebbe sfruttare strade poderali e strade asfaltate secondarie".

Alessandro Nogara (Av) ha ribadito l'impegno a proseguire in commissione "negli approfondimenti sulle varie problematiche legate in particolare alle responsabilità per eventuali incidenti occorsi sulle strade poderali, al fine di giungere al più presto ad una soluzione, contemplando, nel frattempo, la realizzazione di percorsi ciclabili su altre strade secondarie".

Infine l'assessore al turismo, Laurent Viérin, ha osservato: "Premettendo l'esigenza di studiare la questione delle responsabilità al momento in capo ai Presidenti dei consorzi fondiari per quanto riguarda il passaggio sulle strade poderali, va senza dubbio valorizzato il potenziale della nostra regione. Confermo la nostra attenzione alla questione e al momento stiamo effettuando diverse riunioni con i vari attori coinvolti, tra i quali va certamente cementato un raccordo". (ANSA)

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore