/ Salute in Valle d'Aosta

Salute in Valle d'Aosta | 29 ottobre 2019, 16:23

Campagna vaccinazioni antinfluenzali da lunedì 4 novembre

Le circa 18.000 dosi di vaccino sono state consegnate ai medici di famiglia, ai pediatri di libera scelta e alle strutture ospedaliere

Campagna vaccinazioni antinfluenzali da lunedì 4 novembre

Dopo le regioni più solerti anche in Valle d’Aosta parte la campaghna vaccinazioni antinfluenzali. L’avvio della campagna 2019-2020 è fissato per il 4 novembre 2019, comunale in anticipo rispetto alla stagione precedente.

“È bene ricordare che per l’immunizzazione, dal momento della somministrazione del vaccino, occorrono circa quindici giorni – spiega la dottoressa Marina Verardo, direttore della Sc Igiene e Sanità pubblica dell’Usl – e quindi abbiamo programmato la campagna di vaccinazione con termine al 31 dicembre, anche in previsione del fatto che il “picco influenzale” è previsto per la fine dell’anno e per l’inizio del 2020”.

La dottoressa Marina Verardo

Che cos'è il vaccino antinfluenzale?

Il vaccino antinfluenzale è la più efficace arma di prevenzione contro l'influenza stagionale, una patologia a carico delle vie respiratorie dovuta ai cosiddetti virus influenzali.

Come funziona il vaccino antinfluenzale?

Il vaccino antinfluenzale in uso in Italia è detto trivalente perché contiene tre tipi di virus: due di tipo A (H1N1 e H3N2) e uno di tipo B. C'è poi un vaccino quadrivalente che contiene due virus di tipo A (H1N1 e H3N2) e due virus di tipo B.

I virus contenuti nei vaccini vengono scelti sulla base dei virus isolati nel corso della stagione precedente. L'efficacia del vaccino dipende quindi dalla corrispondenza tra i virus che contiene e quelli circolanti, che possono anche essere diversi.

Il vaccino viene somministrato tramite iniezione intramuscolare: nel braccio dai 9 anni in su, nella faccia antero-laterale della coscia per i bambini più piccoli.

Quando fare il vaccino antinfluenzale?

Nel nostro Paese è possibile sottoporsi al vaccino antinfluenzale nel periodo autunnale, la campagna vaccinale in genere parte a metà ottobre e si conclude a fine dicembre. Questo periodo è stato stabilito come il migliore, tenendo conto delle condizioni climatiche italiane e dell'andamento delle epidemie influenzali.

Alla vaccinazione possono sottoporsi tutti coloro che lo desiderano e che non presentano precise controindicazioni. Alcune categorie sono ritenute particolarmente a rischio e dunque il vaccino antinfluenzale è consigliabile e viene offerto gratuitamente. Ecco alcuni esempi:

  • Persone che abbiano superato i 65 anni.
  • Bambini (oltre i 6 mesi), ragazzi e adulti (fino a 65 anni) colpiti da patologie per le quali potrebbero essere esposti al rischio di complicanze importanti in caso di influenza (malattie croniche dell'apparato respiratorio, malattie a carico dell'apparato cardiocircolatorio, tumori, malattie metaboliche).
  • Donne incinta, che all'inizio della stagione epidemica siano al secondo o al terzo trimestre di gravidanza.
  • Categorie di lavoratori come forze di polizia e vigili del fuoco.
  • Categorie di lavoratori a contatto con animali, potenziale fonte di infezione da virus influenzali non umani.

red, cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore