/ ATTUALITÀ POLITICA

ATTUALITÀ POLITICA | 28 ottobre 2019, 18:04

Dopo l'Umbria la Lega vuole elezioni anticipate anche in Valle d'Aosta

Dopo l'Umbria la Lega vuole elezioni anticipate anche in Valle d'Aosta

All’indomani del risultato delle elezioni regionali in Umbria, riportiamo qui di seguito le riflessioni del Commissario della Lega Vallée d’Aoste Marialice Boldi. «Innanzi tutto voglio plaudire al confortante dato dell’affluenza elettorale. Un dato significativo che dimostra come, quando si prospetta un effettivo cambiamento, i cittadini vadano a votare perché sperano in un cambiamento. La Lega, in questo senso, è attualmente l’unico partito che riesce a dare agli elettori una reale speranza di cambiamento.

La vittoria della coalizione di centrodestra in Umbria era preannunciata. I sondaggi tuttavia non prevedevano un divario di tale portata, ma tant’è. Normalmente i sondaggi tendono a sottostimare i risultati delle coalizioni di centrodestra e, soprattutto, tendono a sottovalutare la forza della Lega che è certamente trainante.

Possiamo invece affermare con certezza che per il Movimento Cinque Stelle l’appuntamento elettorale umbro sia stato una vera e propria debacle: non arrivare all’8%, imporrà loro di fare serie riflessioni, ma lungi da me dare consigli. Posso però dire che ritengo che i 5 Stelle abbiano pagato l’incoerenza, l’approssimazione e l’inconsistenza di alcuni loro progetti non condivisi dalla maggior parte dell’elettorato.

Chi va a votare vuole chiarezza, vuol sapere che il suo voto non verrà tradito in base ad interessi e manovre che hanno come unico scopo il mantenimento o il raggiungimento della poltrona.

Vengo infine alla situazione di casa nostra, dove il Governo Regionale non è in grado di offrire prospettive certe ai cittadini proprio a causa delle ambiguità delle forze che lo sostengono, alla necessità di dover accontentare il nuovo alleato Rete civica e ai continui tentennamenti che lo portano spesso a ricercare una stampella nei pentastellati locali.

I gruppi regionali Lega Vallée d’Aoste, Mouv’ e il Consigliere Restano hanno, come si sa, presentato una mozione di sfiducia nei confronti del presidente Fosson a causa della sua inadeguatezza politica espressa nella conduzione e nell'indirizzo amministrativo del governo regionale.

In queste ore voci di corridoio vedrebbero la Lega alla guida di un ipotetico ribaltone. Nulla di più sbagliato! La Lega vuole tornare al governo della Regione ma vuole tornarci con la legittimazione delle urne».

Lega VdA

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore