/ Le Messager Campagnard

Le Messager Campagnard | 24 ottobre 2019, 10:42

Richard Lanièce vola a Roma al CreditAgri Italia

Dopo quasi tre anni di lavoro Richard Lanièce lascia la direzione di Coldiretti per assumere un importante nuovo incarico. A partire dal 4 novembre sarà chiamato dalla Confederazione Nazionale a coordinare il nuovo progetto di CreditAgri Italia, società specializzata nel settore del credito a favore delle PMI agricole, agroalimentari e agroindustriali, per le tre regioni Valle d’Aosta, Piemonte e Liguria. gli succederà Elio Gasco

Da sn: Richard Lanièce, Alessio Nicoletta e Elio Gasco

Da sn: Richard Lanièce, Alessio Nicoletta e Elio Gasco

“La nostra organizzazione valorizza le migliori risorse umane: avevamo bisogno per lo sviluppo di un nuovo progetto di una persona con adeguata professionalità, capace di assumersi una responsabilità per tutte e tre le regioni del nord ovest. La nostra scelta è ricaduta su Richard Lanièce, che ha una preparazione e una conoscenza diretta del mondo dei Confidi. E con lo stesso criterio abbiamo ricercato la migliore professionalità per la sua sostituzione, individuando Elio Gasco che ha anche vissuto un’importante esperienza in Valle d’Aosta a contatto con le problematiche del mondo agricolo locale". Antonio Bisio, vice capo area organizzazione Confederazione Nazionale Coldiretti,  spiega l'avvicendamento del Direttore di Coldiretti Valle d'Aosta.

Sa sn: Antonio Biso, Richard Lanièce, Alessio Nicoletta, Elio Gasco e Bruno Rivarossa

Il nuovo ruolo assunto da Richard Lanièce nella nuova società CreditAgri Italia è stato approfondito anche da Bruno Rivarossa, delegato confederale per la Valle d’Aosta.

“Questo cambio è determinato dalla volontà di accelerare i progetti e le iniziative che generano benefici per le imprese del nostro settore, sono un modo per tradurre in concreto gli impegni presi dalla Coldiretti con i soci.” Rivarossa ha anche presentato nei dettagli il profilo di Elio Gasco: “E’ una figura preparata che ha operato in varie realtà, conosce le problematiche della montagna e ha una grande capacità nella gestione del personale. Sarà capace di generare, nella continuità, la crescita dei servizi e delle aziende agricole valdostane.” Richard Lanièce ha salutato formalmente i membri riuniti del Consiglio Direttivo di Coldiretti Valle d’Aosta, ringraziando e ripercorrendo le fasi salienti del suo lavoro che si è sviluppato in un momento molto delicato e complesso per il mondo agricolo valdostano.

“Lascio la direzione di Coldiretti Valle d’Aosta ma non abbandono totalmente la Valle, visto che il mio nuovo incarico mi permetterà ancora di lavorare, anche se in un contesto più ampio, a servizio del mondo agricolo valdostano.”

Elio Gasco, nel presentarsi agli amministratori, ha sottolineato la sua disponibilità a entrare in relazione con i soci e a lavorare a fianco del Presidente Alessio Nicoletta. “Mi sento caricato di una grande responsabilità, vengo qua con umiltà mettendo a disposizione tutto quello che ho imparato in questi anni, con la voglia di relazionarmi e di conoscere i soci e di lavorare a fianco di un Presidente giovane e dinamico.”

Nel discorso conclusivo il presidente Alessio Nicoletta ha espresso parole di stima per il direttore uscente e di fiducia per quello entrante. “In questo mio primo anno di presidenza ho potuto apprezzare la professionalità e, in particolare, le grandi qualità umane e la capacità di dialogo di Richard Lanièce a cui esprimo un sentito ringraziamento e un augurio per il suo futuro impegno. Mi metto a completa disposizione del nuovo direttore Elio Gasco, perché sono convinto che il lavoro di squadra sia l’unica strada per affrontare le difficoltà e i problemi che il mondo dell’agricoltura valdostana sta vivendo”.

Elio Gasco, 49 anni, cuneese in Coldiretti dal 1989, che tra le tante esperienze vanta anche un incarico in Valle d’Aosta, dove ha ricoperto per un anno il ruolo di responsabile regionale del CAA Coldiretti

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore