/ Speciale Saison Culturelle

Speciale Saison Culturelle | 17 ottobre 2019, 12:00

Saison culturelle, un caleidoscopio di spettacoli per tutti i gusti

Il quartetto d'archi che ha aperto la presentazione della Saison

Il quartetto d'archi che ha aperto la presentazione della Saison

Un quartetto d’archi della Sfom e della scuola Suzuki, istruito da Adriano Coluccio con il primo movimento della sonata per archi di Gioacchino Rossini ha piacevolmente introdotto la presentazione della Saison culturelle, giunta alla 35ᵃ edizione con una serie di novità.

La prima sta nel ‘timoniere’ della rassegna. Elmo Domaine, che l’aveva seguita per 34 anni, ora in pensione, è stato sostituito da Raphaël Desaymonet, mentre la sezione cinema, stanti gli impegni con il Festival di Berlino di Carlo Chatrian, è stata affidata ad Alexine Dayné. La terza novità è che nel cartellone trova spazio uno spettacolo in patois della compagnia vallesana Les Fayérou. Un cambiamento anche nel palinsesto: la sezione che si chiamava ‘Varietà' è diventata ‘Fantasia’.

“La Saison – ha detto l’assessore regionale alla Cultura Laurent Viérin – inizia con uno spettacolo di respiro internazionale e si chiude con uno locale: è un caleidoscopio glocal.” Ad aprire la rassegna sarà il 7 novembre Leo Gullotta con ‘Pensaci Giacomino’ di Luigi Pirandello e si chiuderà il 15 maggio 2020 con ‘Patoué en mezeucca’. Gli spettacoli sono 47, i film 50. Nutrita la pattuglia di artisti locali: tra solisti e gruppi sono undici, divisi nelle diverse sezioni.

Il cartellone di Musica leggere vede il ritorno sul palco della Saison di Chrisitine Herin, non più Naïf, con il suo nuovo progetto ‘Dolche’. Tra i 23 concerti ce n’è per tutti i gusti e tutte le generazioni. Per i più giovani c’è il cantautore Motta, per gli amanti della canzone d’autore Vinicio Capossela, la brasiliana Maria Gadù, Peppe Servillo (ex Avion Travel) in un omaggio ad Adriano Celentano. A cavallo tra musica colta ed extra-colta l’israeliana Noa che ha messo dei testi su arie di Bach. Anche il jazz è molto ben rappresentato dal sassofonista Chris Potter con il chitarrista Bill Frisell e dalla coppia di pianisti Danilo Rea Ramin Baharami, anche loro alle prse con Bach.

La sezione Fantasia ospita il musical Grease, l’illusionista Luca Boni, in sala alla presentazione, il duo Tullio Solenghi e Massimo Lopez. Marco Paolini, Gioele Dix, Neri Marcorè, Anna Galliena e Angela Finocchiaro danno lustro alla sezione Teatro; non manca l’operetta (in cartellone Il pipistrello). Insomma una Saison per tutti.

a. bo.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore