ISTRUZIONE E FORMAZIONE | martedì 15 ottobre 2019 06:43

ISTRUZIONE E FORMAZIONE | 12 ottobre 2019, 10:22

Sindacati scuola denunciano 'servizi educativi all'infanzia in stato di abbandono'

Una manifestazione dei sindacati scuola ad Aosta (foto d'archivio)

Una manifestazione dei sindacati scuola ad Aosta (foto d'archivio)

Dove sta andando la scuola dell'infanzia valdostana? E' ancora valida la legge varata solo quattro anni fa che mantiene l'insegnamento bilingue dai 3 ai 6 anni? Domande che i sindacati del settore istruzione Flc-Cgil, Cisl-scuola, Savt-École e Snals hanno rivolto all'assessore regionale all’Istruzione, Chantal Certan e alla Sovraintendente agli studi, Marina Fey in un incontro organizzato per analizzare la situazione della scuola dell’infanzia pubblica e la richiesta da parte sindacale di potenziare gli organici. 

Certan e Fey hanno preso atto delle istanze ma intanto i rappresentanti sindacali in una nota congiunta spiegano di aver rappresentato "la situazione di criticità che vivono gli insegnanti della scuola dell’infanzia pubblica a causa della carenza o totale assenza di personale ausiliario, della diminuzione di popolazione scolastica che mette a repentaglio l’apertura di alcuni plessi sul territorio".

Contestualmente a queste problematiche, le organizzazioni sindacali hanno sostenuto che "con la verticalizzazione delle istituzioni scolastiche, con l’applicazione della legge sull’autonomia scolastica, con la non sostituzione ancora alla data attuale dell’unico ispettore scolastico per la scuola di base (andato in pensione nell’anno 2016), le scuole dell’infanzia pubbliche vivono anni di difficoltà anche per quanto riguarda il coordinamento pedagogico".

La scuola dell’infanzia statale nel 2018 ha compiuto 50 anni e fu quella che consentì all’allora assessore alla Pubblica Istruzione, Maria Ida Viglino, di predisporre la legge regionale 22 del 1972 istitutiva della scuola materna regionale.

"In questi ultimi tempi  - stigmatizzano i sindacati - fioriscono le scuole private steineriane, montessoriane, le scuole del bosco, le non scuole, mentre il coordinamento delle scuole materne valdostane pubbliche è lasciato alla buona volontà ed alla professionalità dei singoli".

Flc Cgil, Cisl scuola, Savt École e Snals riportano il caso dell’Amministrazione comunale di Valgrisenche che intende, per mantenere il servizio sul territorio, affidare tramite bando a una cooperativa la scuola per l'infanzia da 0 a 6 anni.

"La ricorrenza del 50esimo anniversario della scuola materna statale -  conclude la nota - è forse l’occasione opportuna per avviare un ampio dibattito sul futuro della scuola dell’infanzia regionale". Nelle prossime settimane i sindacati organizzeranno sull'argomento una serie di assemblee con gli insegnanti.

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore