CRONACA | martedì 15 ottobre 2019 06:55

CRONACA | 10 ottobre 2019, 11:51

Anziani coniugi vincolati dalla Banca Valdostana a restituire rate mutuo fino a 104 anni

Foto repertorio

Foto repertorio

“Dire che è una cosa umanamente vergognosa è come bere un bicchiere di acqua fresca”. Bruno Albertinelli, Presidente di Federconsumatori VdA non ha parole per commentare della Bcc Valdostana che ha concesso un mutuo a due anziani coniugi che li impegna a pagare fino all’età di 108 anni. Della cosa è già stata informata Bankitalia.

Tutto inizia il 29 maggio 2007 quando i signori Mario e Maria (i nomi sono ovviamente di fantasia) genitori di Minimo (pure questo è un nome di fantasia) vengono  chiamate presso la sede della banca di Credito Cooperativo ad Aosta in piazza Arco d’Augusto. Erano convinti di firmare una garanzia per un mutuo di circa 100 mila euro, come gli era stato detto dal  figlio e questa loro convinzione era basata anche su una visita che poco tempo prima avevano avuto  da parte di un geometra che si era presentato nella loro abitazione per verificare, secondo quanto  dettogli, le condizioni per concedere il mutuo al figlio. (Nella foto Davide Ferré presidente di Bcc che si è trovato a gestire la patata bollente)

Da quanto appreso da Federconsumatori, nella sede della banca furono lette loro dal notaio varie clausole e condizioni che non capirono in quanto il Signor  Mario è ipoudente e la Signora Maria debole e disattenta per via del fatto che era stata  dimessa da una settimana dall’ospedale di Aosta dove era stata sottoposta ad un intervento.

Conclusa la lettura fu fatto loro firmare il contratto dopo essere stati assicurati di stare tranquilli. Ma subito dopo la firma sul loro conto fu immediatamente caricato il debito che il figlio Minimo aveva con la banca e che ammontavano a quasi 170mila euro.

Il debito di Minimo dcon la banca venne immediatamente estinto con l’entrata in cassa dei  240.000 garantiti dal mutuo ipotecario di Mario e Maria. Nei giorni successivi, sempre dal conto di Mario e Maria furono saldati  i debiti del figlio nei confronti di terzi.

“Mi chiedo – aggiunge Albertinelli -  come sia stata possibile, sotto l’aspetto pratico, umano e etico, un’operazione del genere”. Infatti la BccValdostana ha acceso un mutuo fondiario della durata di 20 anni, quindi con una presunta estinzione dello stesso alla veneranda età di 98 anni Mario e  di 94 anni Maria.

Iniziò a questo punto un percorso socialmente e umanamente vergognoso che li vide sino all’anno 2010 pagare rate del mutuo da euro 1.715 (a tasso variabile) a fronte di una entrata  pensionistica totale di euro 1.368,00. Mario e Maria sono finiti nella disperazione della povertà. Situazione scoperta dalla figlia, tenuta sia dai genitori che dal fratello (deceduto nel giugno  2019) all’oscuro del percorso del mutuo fondiario e che portò quindi la figlia a chiedere al fratello di recarsi con lei in banca per ridurre il peso economico della rata.

A fronte della richiesta la banca diminuì l’importo della rata ma allungando, ovviamente,  le mensilità che termineranno quando Mario avrà 108 anni e Maria 104. E’ pur vero che a chi ha debiti si augura lunga vita con la speranza che restituiscano il dovuto. Ma un’operazione bancaria di questo tipo sfugge ai più. La rata attuale si attesta su euro 854,15 (a tasso variabile) con un’entrata pensionistica totale di  euro 1.577. “Certo – spiega Albertinelli – il percorso migliore ma anche questo, al di là della follia trentennale della restituzione,  resta un percorso disagiato economicamente di sopravvivenza per le due anziane persone”.

Dalla questione traspare il fatto che a tutelarsi con la sottoscrizione della garanzia da parte di Mario e Maria è stata la banca. “Sarebbe interessante – aggiunge Federconsumatori - capire perché la banca permise negli anni uno scoperto di quasi 170mila euro al signor Minimo e soprattutto come fu possibile che a garanzia del percorso di  concessione dei 240.000 euro fu messo come fideiussore nientemeno che il figlio, debitore in primis  nei confronti della banca e la sua compagna nulla tenente?”. Domanda inquietante.

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore