Consiglio Valle | martedì 15 ottobre 2019 06:51

Consiglio Valle | 08 ottobre 2019, 17:55

Proseguono le audizioni sul disegno di legge concernente il lupo

Coldiretti '“E’ un segnale di attenzione al mondo agricolo che apre la possibilità di interventi alternativi per assicurare la coesistenza con l’allevamento'

Proseguono le audizioni sul disegno di legge concernente il lupo

Nella mattinata di  martedì 8 ottobre 2019, la terza Commissione "Assetto del territorio" ha audito i rappresentanti della Coldiretti Valle d'Aosta, dell'AREV e dell'Ente Parco Mont Avic nell'ambito della trattazione del disegno di legge che contiene misure di prevenzione e di intervento concernenti la specie lupo. Per l'AREV erano presenti il Presidente Dino Planaz e il Direttore Edi Henriet oltre che il Consigliere rappresentante la sezione ovi-caprina Daniele Morzenti; per la Coldiretti Valle d'Aosta, il Presidente Alessio Nicoletta e il Direttore Richard Lanièce; per il Parco naturale del Mont Avic, il Presidente Davide Bolognini e il responsabile dei guardaparco Roberto Facchini.

«I rappresentanti degli allevatori hanno espresso apprezzamento per essere stati coinvolti nella stesura del provvedimento - dice il Presidente della terza Commissione, Alessandro Nogara (AV) - e hanno auspicato che sia approvato al più presto, in quanto le misure di protezione messe in atto non si sono rivelate sufficienti a tutelare l'allevamento. I responsabili del Parco naturale del Mont Avic hanno riferito che il monitoraggio, condotto in collaborazione con il Corpo forestale valdostano, ha rilevato che vi è un branco che si sposta su tre vallate, Champorcher, Champdepraz e Clavalité, con un areale quindi molto esteso.»

«Martedì prossimo - aggiunge il Presidente Nogara - proseguiremo con le audizioni, sentendo i rappresentanti del Parco del Gran Paradiso, dell'Ossola e di altre associazioni territoriali.»

COLDIRETTI

Un confronto positivo. E’ il commento di Coldiretti Valle d’Aosta al termine dell’audizione avuta questa mattina, insieme all’AREV, presso la terza Commissione "Assetto del territorio” del Consiglio regionale della Valle d’Aosta.

Abbiamo espresso soddisfazione per i contenuti di questo disegno di legge” hanno spiegato il Presidente Alessio Nicoletta e il Direttore Richard Lanièce presenti in audizione. “Per noi è un vero e proprio passo avanti che va nella direzione di difendere i nostri allevatori e rassicurare le nostre piccole comunità”.

Con questo provvedimento di legge non si potrà risolvere il problema della convivenza uomo-lupo – continuano - ma si da un segnale di attenzione al mondo agricolo aprendo alla possibilità di interventi alternativi come il prelievo, la cattura e l’eventuale uccisione di esemplari, seppur in situazioni di extrema ratio e dopo il parere preventivo dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA)”.

Chiediamo ora – concludono Nicoletta e Lanièce - tempi rapidi per la conclusione dell’iter legislativo e che venga mantenuto aperto un confronto per garantire sul territorio valdostano la giusta convivenza tra la presenza del lupo e l’allevamento tradizionale di montagna”.

 

info consiglio valle

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore