Governo Valdostano | mercoledì 16 ottobre 2019 22:34

Governo Valdostano | 17 settembre 2019, 10:55

Cresce attenzione istituzioni per sicurezza anziani

Antonio Fosson, attento alle esigenze di sicuerzza degli anziani

Antonio Fosson, attento alle esigenze di sicuerzza degli anziani

“Le istituzioni valdostane, la Regione e i suoi Comuni, hanno posto sempre una grande attenzione al tema della sicurezza, declinandolo nei suoi diversi aspetti”. Lo ha ribadito il Presidente della Giunta, Antonio Fosson, chiudendo ieri pomeriggio ad Aosta  il seminario organizzato in occasione della quarta edizione della Giornata Nazionale contro le truffe agli anziani.

un incontro pubblico dal titolo Più Sicuri insieme volto a informare tutta la comunità, in particolare gli anziani, sui comportamenti da adottare per preservare la propria sicurezza in casa e in strada e per evitare eventuali pericoli e truffe nell’utilizzo di internet

Fosson ha posto l’accento sul fatto che la Valle d’Aosta è stata tra i primi in Italia a creare un modello sinergico di intervento coordinato in favore dei cittadini, rappresentato dalla Centrale Unica del Soccorso, istituita con legge regionale nell’aprile del 2008. “Un modello – ha sottolineato Fosson - che rappresenta ancora oggi, a 11 anni di distanza, un’eccellenza nel sistema di protezione civile. La collaborazione tra i diversi enti deputati all’intervento in emergenza, infatti, consente di indirizzare tempestivamente soccorsi mirati dove si presenta una necessità, garantendo efficacia ed efficienza e, soprattutto, salvando vite”.

Un sistema al quale, dal marzo 2017, si è aggiunta la piena operatività del Numero Unico Europeo, l’Uno Uno Due Anche in questo caso, la Valle d’Aosta, con l’istituzione della Centrale Unica di Risposta presso la caserma Erik Mortara dei Vigili del Fuoco, si è posta all’avanguardia nel sistema di soccorso nazionale.

Ad oggi, sono solo dieci le Centrali operative in Italia, dislocate in otto regioni. Questo sistema, che coinvolge oltre agli enti del sistema di protezione civile regionale anche le Forze dell’Ordine, consente di attivare i soccorsi attraverso un unico numero e, soprattutto, la possibilità di essere immediatamente localizzati, ottimizzando così l’efficacia degli interventi.

“Queste sono azioni che la Regione mette in campo per garantire interventi rapidi e qualificati in materia di soccorso e di intervento, in grado di infondere per quanto possibile senso di sicurezza attraverso pronte e adeguate risposte ai bisogni della comunità. Azioni – ha aggiunto Fosson - che non definiscono un quadro statico e compiuto, perché c’è sempre modo di migliorarsi, anche grazie all’innovazione tecnologica”.

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore