CRONACA | mercoledì 23 ottobre 2019 23:44

CRONACA | 14 settembre 2019, 09:11

Saint-Vincent: Vandali satanisti devastano la cappella di Gian Can, i fedeli la rimettono a posto

La cappella oratorio di Gian Can (foto sito web tapazovaldoten)

La cappella oratorio di Gian Can (foto sito web tapazovaldoten)

Devastata a giugno da un gruppo di satanisti, o meglio di stupidi vandali, la cappella-oratorio di Gian Can è stata ripulita, risistemata e così restituita alla comunità di Saint-Vincent da un gruppo di volontari del paese.

I satanisti teppisti sono entrati di notte aprendosi un varco tra le inferriate, poi hanno rotto statue, quadri, banchi e hanno imbrattato con simboli satanici un pò ovunque la cappella. La zona tra collina e montagna, attraversata da un sentiero che porta alle frazioni alte, è isolata e i teppisti se ne sono andati via indisturbati.

Qualche giorno dopo alcuni giovani escursionisti hanno scoperto la profanazione, che a Saint-Vincent ha suscitato clamore. Un gruppo di residenti decisi a rimettere a posto quanto prima la cappella ha stimato i danni e i relativi costi, poi tutti sono partiti in direzione Gian Can e hanno lavorato sodo per ridare alla cappella la dignità di un luogo di culto eretto nel 1819 - per volontà di Pier Antoine Seris, storica famiglia della cittadina termale - e dedicato alla Madonna.

Domenica scorsa una messa celebrata da don Pietro Panceri ha inagurato la 'rinascita' della cappella.

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore