FEDE E RELIGIONI | sabato 21 settembre 2019 14:01

FEDE E RELIGIONI | 23 agosto 2019, 12:41

I bambini del Venezuela hanno bisogno di aiuto

I bambini del Venezuela hanno bisogno di aiuto

In Venezuela 3,2 milioni di bambini necessitano di aiuti umanitari a causa del continuo peggioramento delle condizioni di vita. L’allarme è stato lanciato ieri dal direttore generale del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef), Henrietta Fore, secondo cui per fornire assistenza “salvavita” ad almeno novecentomila bambini in tutto il paese occorrono entro la fine dell’anno oltre 70 milioni di dollari.

Si stima inoltre che 1,3 milioni di minori abbiano bisogno di servizi di protezione, mentre oltre 1 milione di bambini non frequenti la scuola. Fore ha sottolineato l’impegno dell’agenzia dell’Onu affermando che dal 2018 sono state inviate in Venezuela quasi 200 tonnellate di aiuti.Uno dei traguardi che l’Unicef prevede di raggiungere entro la fine del 2019 è fornire a ottocentomila persone l’accesso ad acqua potabile sicura. Infatti il deterioramento delle condizioni di vita ha fatto sì che almeno 4,3 milioni di persone nel Venezuela non abbiano accesso alle risorse idriche.

Per questo sono aumentati i casi di febbre gialla e malaria, e sono riemerse malattie come il morbillo e la difterite da fronteggiare con un’adeguata campagna vaccinale. In ambito sanitario, sempre nel piano dell’agenzia Onu per il paese latinoamericano, è prevista la vaccinazione di oltre mille bambini sotto i 5 anni contro il morbillo; la cura di settemila bambini sotto i 5 anni affetti da malnutrizione e l’assistenza sanitaria a oltre centosettantamila donne in gravidanza. Si tenterà inoltre di distribuire materiale didattico a migliaia di minori in età scolare.

Trovano intanto conferma le voci circa una trattativa in atto tra la Casa Bianca e il governo del presidente venezuelano Nicolás Maduro. Il presidente statunitense, Donald Trump, ha parlato di colloqui «con vari rappresentanti di Caracas, di livello molto alto» nel tentativo di aiutare il Venezuela «in ogni modo possibile».

Maduro, dal canto suo, ha confermato i contatti con Washington affermando che hanno l’obiettivo di far conoscere al leader statunitense la «verità sul Paese» e sottolineando che si tratta di «contatti esplicitamente autorizzati».

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore