ECONOMIA | domenica 18 agosto 2019 18:03

ECONOMIA | 01 agosto 2019, 12:57

Nel II Trimestre 2019 aumenta numero imprese in Valle d’Aosta, ma inferiore a dicembre e torna ai livelli dello scorso anno

La Chambre Valdôtaine informa che lo stock di imprese registrate in Valle d’Aosta al 30 giugno 2019 è di 12.352 unità, con un aumento dello 0,7% rispetto al trimestre precedente e poco inferiore al 31 dicembre 2018

Nicola Rosset

Nicola Rosset

Il saldo tra iscrizioni e cessazioni che si attesta quindi sul valore di +91 imprese contro un saldo di +66 registrato nel II trimestre 2018 fanno dire a Nicola Rosset, Presidente della Chambre, che i dati "mostrano un miglioramento della situazione. Anche settori da lungo tempo in difficoltà, come ad esempio quello delle costruzioni e del commercio, registrano dati positivi e questo è certamente confortante”.

Un dato, quello del secondo trimestre che si discosta di qualche unità dalle imprese iscritte al 31 dicembre 2018.

 Il tasso di crescita è quindi dello 0,82% (nello stesso periodo del 2018 era di 0,53%), nettamente superiore a quello nazionale (0,48%) e a quello del nord-ovest (0,46%).

Prendendo in esame i diversi settori economici, si evidenzia  un generale fenomeno di crescita rispetto al trimestre precedente, più sensibile per il commercio (+21 imprese), per le costruzioni e per i servizi alle imprese (+14 unità).  L’unico lieve calo si registra nel settore dei trasporti (-3 imprese).  

Dal punto di vista delle forme giuridiche, si segnala il tasso di crescita delle società di capitale (+1,26%) ed il momento di difficoltà, seppure più attenuato rispetto alle risultanze nazionali, delle società di persone il cui tasso si attesta sullo 0,10%.

Anche i dati riguardanti il comparto artigianale valdostano registrano un miglioramento con il numero delle imprese che si attesta al valore di 3.608 unità, in aumento dello 0,8% rispetto al primo trimestre dell’anno. La maggiore crescita si registra nel settore delle costruzioni con un valore di +17 imprese.

“Proprio alla luce di questi dati – continua Rosset – è però di fondamentale importanza puntare al consolidamento di tale situazione. In quest’ottica appare prioritario intensificare il supporto alla nascita e allo sviluppo del nostro comparto imprenditoriale in termini di robustezza economica, ad esempio con l’accesso al credito, ma anche in termini di nuova cultura imprenditoriale e di modelli di business”.

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore