ECONOMIA | domenica 18 agosto 2019 18:06

ECONOMIA | 25 luglio 2019, 11:15

Stefano Lunardi rappresentante alimentaristi Fida-Confcommercio VdA

Lunardi ‘La complessità delle norme ci obbligano ad un costante aggiornamento ed ad una formazione continua presistente’

Stefano Lunardi

Stefano Lunardi

Stefano Lunardi, di anni 44, titolare ad Aosta dell’esercizio Erbavoglio in via Monsignor de Sales, succede ad Angelo Sarica alla guida degli alimentaristi valdostani iscritti a FIDA-Confcommercio VdA. Angelo Sarica lascia la carica dopo sette anni di attività a favore della categoria ed il testimone è stato preso da Stefano Lunardi, uno tra i più rinomati affinatori di formaggio attivi in Italia.

Un incarico che Lunardi ha assunto con la responsabilità di chi vuole mettersi a disposizione di una categoria che “tutti i giorni deve fare i conti con una normativa tanto complessa quanto intricata che ci obbliga ad un continuo aggiornamento” sottolinea.

(nella foto Stefano lunardi con Giuseppe Sagaria, V.pres. Confcommercio VdA a sn)

Ma è anche con orgoglio che ha assunto la responsabilità di rappresentare una categoria, che in Valle conta circa 300 aziende di cui un centinaio aderenti a Fida-Comfcommercio, quanto mai importante nel panorama imprenditoriale e del commercio. “Sono consapevole – dice Lunardi - del grande lavoro che mi aspetta nel rappresentare imprenditori impegnati quotidianamente in azienda e che ritagliano tempo per la tutela dei propri colleghi, con competenza, professionalità e voglia di fare”.

Anche per questo Stefano Lunardi intende favorire quanto più possibile la formazione continua dei colleghi. Con il supporto di Confcommercio VdA e del Presidente Graziano Dominidiato, il vice presidente, Giuseppe Sagaria, ed il Direttore Adriano Valieri, Stefano Lunardi guarderà con attenzione alla tutela sindacale delle imprese, la legislazione specifica di settore: aperture festive, sprechi alimentari, buoni pasto, etichettatura, haccp, i piani di sviluppo commerciale, la somministrazione non assistita, la concorrenza quali le vendite dirette e l’ambulato irregolare, le problematiche fiscali,  la formazione e l’innovazione dei punti vendita.

(Nella foto a sn Adriano Valieri, Direttore generale Confcommercio VdA e Stefano Lunardi)

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore