FEDE E RELIGIONI | martedì 20 agosto 2019 23:29

FEDE E RELIGIONI | 24 luglio 2019, 09:30

PAPA: Di nuovo buio in Venezuela

PAPA: Di nuovo buio in Venezuela

Un nuovo blackout iniziato ieri intorno alle 16 (ora locale) e durato quasi sette ore ha fatto ripiombare Caracas nel buio, assieme ad altri Stati venezuelani quali Nuova Sparta, Táchira, Bolívar, Lara e Anzoátegui. La situazione è iniziata a tornare alla normalità poco dopo la mezzanotte (ora venezuelana) con una progressiva ripresa della fornitura di energia elettrica, stando a quanto dichiarato dai media locali.

La mancanza di luce ha causato però gravi disagi alla popolazione, come l’interruzione della fornitura di acqua potabile, la chiusura degli esercizi commerciali e il blocco nella connessione di quasi il 94 per cento della rete internet. A Caracas, in particolare, le linee della metropolitana sono state sospese, lasciando a piedi migliaia di passeggeri.Riguardo alle possibili cause del blackout, fin dalle prime ore il ministro della comunicazione, Jorge Rodríguez, ha parlato di «un attacco elettromagnetico che ha cercato di danneggiare il sistema di generazione idroelettrica di Guayana, principale fornitore di questo servizio nel Paese».

Rodríguez ha poi fatto sapere, tramite i media, che le autorità competenti hanno attivato tutti i meccanismi necessari «per garantire il servizio di acqua potabile, quello dei trasporti pubblici e per qualsiasi emergenza nei nostri centri di salute». Il ministro dell’energia elettrica, Freddy Brito, ha poi dichiarato che l’esecutivo «ha attivato lo staff generale dell’elettricità e tutti i ministeri e le istituzioni per soddisfare le esigenze della nostra gente» durante la crisi. Tuttavia il governo ha deciso di sospendere per la giornata di oggi il «lavoro regolare e le attività educative» al fine di contribuire a ripristinare la normalità e la fornitura di energia elettrica in tutti gli stati.Mentre il Governo punta l’indice su probabili sabotaggi, il leader dell’opposizione Juan Guaidó ha parlato di «fallimento nell’amministrazione dell’elettricità».

«Hanno distrutto il sistema elettrico e non hanno risposte», ha scritto su Twitter il leader dell’opposizione, che ha poi invitato i venezuelani a mobilitarsi oggi per una grande manifestazione di protesta contro il governo. «Partecipiamo con forza alle manifestazioni nelle strade. Come venezuelani non ci abitueremo a questo disastro» ha affermato Guaidò.

Intanto, a Buenos Aires, si tiene oggi il programmato vertice del Gruppo di Lima, impegnato nella ricerca di una soluzione negoziale alla crisi venezuelana.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore