CRONACA | lunedì 19 agosto 2019 06:33

CRONACA | 15 luglio 2019, 21:10

Tolleranza zero contro l'indebito uso di alloggi popolari

Accordo Arer-Tribunale contro inquilini Erp che hanno usato alloggi per commettere reati

L'architetto Paolo Varetti, presidente Arer Vda

L'architetto Paolo Varetti, presidente Arer Vda

L'iniziativa è semplice quanto rivoluzionaria. L'intesa Arer-Tribunale prevede infatti la formazione di una lista contenente i nomi di  tutti gli assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica-Erp in Valle d'Aosta, che è stata consegnata oggi dall'architetto Paolo Varetti, presidente dell'Arer ad Eugenio Gramola, presidente del Tribunale di Aosta. Agli uffici giudiziari spetterà il compito di individuare i nomi di pregiudicati che si sono serviti degli alloggi popolari per commettere reati. Successivamente il tribunale invierà i nominativi all'Arer che potrà provvedere alla revoca dell'assegnazione degli alloggi.

"La casa è un diritto di tutti - sottolinea Varetti - ma esistono regole che devono essere rispettate tra cui quella di non servirsi degli alloggi Erp quale 'base' per spacciare droga, commettere violenze, nascondere o ricettare refurtiva".

L'arer è fermamente intenzionata ad allontanare chi si è macchiato di tali comportamenti delittuosi.

Per anni - ribadisce Varetti - si sono tollerate condotte vergognose, ora è il momento di dire basta e le recenti inchieste delle Forze dell'ordine concentrate sul Quartiere Cogne dimostrano che la strada da seguire è quella del rigore".

"Lo dobbiamo - rimarca il Presidente dell'Arer - ai tanti cittadini onesti e laboriosi".

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore