CRONACA | domenica 21 luglio 2019 09:35

CRONACA | 11 luglio 2019, 12:53

Chiesto processo immediato per il 45enne che ha tentato di stuprare una ragazza a Gignod

Azione congiunta polizia-carabinieri per bloccare il francese

Azione congiunta polizia-carabinieri per bloccare il francese

Il pm Carlo Introvigne ha chiesto al gip del tribunale di Aosta il giudizio immediato per Stephane Patrick Marcel Mangeolle, il 45enne turista francese accusato di violenza sessuale e lesioni nei confronti di una 19enne aosta da lui aggredita a Gignod mercoledì 3 luglio.

Mangeolle, assistito dall'avvocato Filippo Vaccino del foro di Aosta, era stato fermato da polizia e carabinieri meno di un'ora dopo dal fatto; interrogato dal gip, aveva ammesso parzialmente le proprie responsabilità.Secondo la ricostruzione dell'accaduto svolta dai carabinieri, il francese si era scagliato sulla giovane aostana lungo la strada in frazione Chambavaz e l'aveva spinta in un prato, tentando di violentarla.

La vittima aveva resistito e una sua amica, 17enne, aveva iniziato a urlare richiamando un automobilista di passaggio che, uscito dal veicolo, si era diretto verso Mangeolle facendolo fuggire.

L'aggressore, che sul posto aveva perso portafoglio e patente di guida, era stato rintracciato da una pattuglia della Squadra mobile della questura aostana dopo che i carabinieri avevano diramato le ricerche.

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore