Consiglio Valle | domenica 21 luglio 2019 09:41

Consiglio Valle | 11 luglio 2019, 14:37

Tutti in carrozza con il nuovo piano strategico ferroviario

Il Programma si pone due obiettivi fondamentali: collegare più velocemente Aosta con Torino Porta Nuova in 1h40; il collegamento su rotaia da Aosta fino a Courmayeur

Tutti in carrozza con il nuovo piano strategico ferroviario

Per il momento di soldi non ce ne sono e nemmeno progetti, ma idee e prospettive sono state messe nero su bianco dall’assessore Luigi Bertscky (Uvp-Av) nel Piano strategico di interventi per la ferrovia che è stato approvato oggi dal Consiglio Valle. Un piano che richeide un investimento di 150 milioni di euro, di cui 80 milioni per l'elettrificazione.Come ha detto l’assessore “ 36 milioni di euro sono arrivati a inizio anno, ma ora sarà importante che la Valle d'Aosta non sia abbandonata da chi è al Governo nazionale affinché gli obiettivi si traducano in atti finanziari concret”. È un atto coerente e conseguente alla legge di iniziativa popolare del 2016.

“Nei prossimi anni – ha sottolineato l’assessore - dovremo costruire una programmazione finanziaria per la sua realizzazione”. Gli obiettivi sono declinati in una serie di azioni, che sono state correlate, “per quanto possibile tenuto conto che alcuni studi sono ancora in corso, a costi, benefici e scadenze, in modo che non si riducano a dichiarazioni di principio ma possano essere concretamente attuati e monitorati nel tempo”. Ha aggiunto Bertschy.

Per quanto riguarda i collegamenti Aosta/Torino, l'Assessore Bertschy ha evidenziato che il Programma prevede l'elettrificazione della tratta Aosta/Ivrea e aumento della velocità di percorrenza; realizzazione di raddoppi selettivi sulla linea; collegamenti tra trasporto ferroviario e su gomma; lunetta di Chivasso, previa condivisione con la Regione Piemonte.

Come ha sottolineato Bertschy “il grande tema saranno le scelte da fare sui collegamenti Aosta/Courmayeur; il Programma recepisce il recentissimo studio sulle opzioni per il collegamento Pré-Saint-Didier/Courmayeur, che è stato richiesto con la mozione approvata dal Consiglio regionale a luglio 2018, e prevede: lo studio sul carico assiale e riclassificazione della Aosta/Pré-Saint-Didier a 18 tonnellate/asse con gli interventi di manutenzione straordinaria per la riapertura della linea e conseguente elettrificazione oppure la conversione in tram-treno e prolungamento fino a Courmayeur, che avverrà per fasi, in funzione del Piano regionale dei trasporti e dell’evoluzione normativa”.

Il Piano Bertschy è stato approvato con 24 voti a favore e 11 contrari.  Approvato anche un emendamento della quarta Commissione consiliare (25 voti a favore e 10 astensioni di Lega VdA e Mouv') che prevede la riduzione dei tempi di progettazione e realizzazione dell'elettrificazione della tratta valdostana della ferrovia.

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore