SANITÀ, SALUTE E STARE BENE | giovedì 18 luglio 2019 22:04

SANITÀ, SALUTE E STARE BENE | 09 luglio 2019, 08:49

Entro il 10 luglio 2019 bisogna dimostrare la regolarità con le vaccinazioni per l’iscrizione a scuola

Entro il 10 luglio 2019 bisogna dimostrare la regolarità con le vaccinazioni per l’iscrizione a scuola

L’Italia in questa classifica dell’Unicef occupa il quinto posto con un numero di casi da morbillo pari a 435 mila, preceduta dagli Stati Uniti, in pole position, con 2,5 milioni di piccoli che non hanno ricevuto la prima dose di vaccino tra il 2010 e il 2017 e quindi non sono protetti dalla possibilità di contrarre la malattia e da Francia e Regno Unito, rispettivamente con 600mila e 500mila bimbi non vaccinati.

In diversi Paesi europei le coperture vaccinali stanno aumentando, ma c’è ancora molto da fare, anche secondo le evidenze dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.  I dati emersi sul morbillo palesano una sempre maggiore necessità di vaccinazione al fine di evitare che alcune malattie, oggi ritenute debellate, possano tornare. Importante nel nostro Paese il punto di vista dell’Istituto Superiore di Sanità che ricorda come la vaccinazione sia fondamentale per prevenire eventuali decessi e proteggere da malattie gravi.

È in questo contesto che torna il tema della obbligatorietà dei vaccini con particolare riferimento alla data del 10 luglio 2019, termine ultimo per dimostrare la regolarità con le vaccinazioni per l’iscrizione a scuola.   Per l’anno scolastico 2019-2020 non ci sono in cantiere proroghe, ma resta in essere la scadenza prevista dalla legge Lorenzin del 10 luglio sull’obbligo vaccinale, approvata nel luglio 2017.

Sono dieci le vaccinazioni obbligatorie per legge (tutte previste per i nati dal 2017): anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenza tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella. La legge prevede l’obbligo vaccinale per le iscrizioni all’asilo nido e alla scuola materna e, con modalità diverse, anche alle scuole elementari, medie e i primi due anni delle superiori, fino ai 16 anni.

I genitori dei piccoli studenti hanno l’obbligo di presentare entro tale data i certificati di avvenute vaccinazioni per le iscrizioni scolastiche, come previsto dalla normativa vigente – Legge Lorenzin. A tale proposito però sono intervenuti di concerto, il Ministero della Salute e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, precisando che essendo stata istituita una Anagrafe nazionale vaccinale, viene meno per i genitori l’obbligo di presentare presso le scuole di appartenenza dei loro bambini, le certificazioni previste.

L’Anagrafe vaccinale permetterà di verificare direttamente accedendo ai dati in essa contenuti, eventuali anomalie o irregolarità del sistema che, nel caso, dovranno essere tempestivamente sanate. I genitori contattati dalla scuola dovranno così produrre l’evidenza del certificato cartaceo dimostrando così di essere in regola con la vaccinazione obbligatoria prevista per legge.

Mancano all’appello solo le province autonome di Trento e Bolzano che quanto prima si adegueranno all’Anagrafe istituita dal Ministero. Bisognerà attendere l’apertura delle scuole per vedere se l’Anagrafe avrà funzionato. Nel frattempo un consiglio utile per quei genitori scettici e preoccupati delle conseguenze del vaccino è quello di informarsi e parlarne con il proprio pediatra in modo da avere un quadro medico quanto più completo possibile.

bruno albertinelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore