AMBIENTE | martedì 20 agosto 2019 23:24

AMBIENTE | 07 luglio 2019, 17:00

Svolta nella gestione dei rifiuti in Valle d'Aosta

Riorganizzazione del centro di Brissogne, realizzazione dei nuovi impianti per il sistema integrato, recupero delle frazioni valorizzabili e smaltimento dei residuali. Passa attraverso questi punti il contratto per la gestione regionale dei rifiuti, punto fondamentale per dare un nuovo corso alle politiche del settore che l’Amministrazione regionale sta mettendo in campo, a seguito delle risultanze del referendum del 2012.

Svolta nella gestione dei rifiuti in Valle d'Aosta

Il contratto fra l'Amministrazione regionale e l'Associazione temporanea di imprese affidataria della Concessione di servizi per la gestione integrata dei rifiuti urbani rappresenta un momento fondamentale nell'attuazione delle politiche di gestione dei rifiuti per la Regione.

"Con l'esecuzione del contratto - spiega l'assessore Albert Chatrian, assessore regionale all'Ambiente - inizierà, a partire dal prossimo gennaio, la realizzazione degli impianti costituenti il sistema integrato di trattamento dei rifiuti urbani e speciali assimilabili, finalizzato al successivo recupero di tutte le frazioni valorizzabili e allo smaltimento finale di quelle residuali, conferite presso il Centro regionale di Brissogne".

Saranno, quindi, avviate tutte le attività volte a dare concretezza alle azioni previste nel Piano regionale di gestione dei rifiuti, approvato nel 2015, oltreché al Programma regionale di prevenzione dei rifiuti, allegato al Pano medesimo.

La concessione di servizi ha una validità di 17 anni, di cui i primi due dedicati alla realizzazione del sistema integrato di impianti, nonché alla riorganizzazione completa del Centro di Brissogne. "Inoltre - come precisa ancora l’Assessore Chatrian -  è stata completata la predisposizione dell'atto di Autorizzazione integrata ambientale, che sarà efficace nei prossimi giorni, atto che consentirà di avviare la progettazione esecutiva degli impianti, che deve essere completata entro tre mesi, e anticipare alcune fasi operative preliminari alla costruzione dei capannoni e degli impianti".

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore