Info consumatori | venerdì 19 luglio 2019 17:11

Info consumatori | 02 luglio 2019, 17:00

Da sabato al via stagione dei saldi in Valle

Sono partiti dalla Campania il 29 giugno i saldi estivi. lunedì 1° luglio è toccato alla Sicilia, martedìalla Basilicata e da sabato 6 luglio lo shopping scontato sarà possibile anche nelle restanti Regioni

Da sabato al via stagione dei saldi in Valle

In valle d’Aosta partiranno il 6 luglio e termineranno il 20 Agosto.Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, quest’anno per l’acquisto di capi scontatiogni famiglia spenderà in media poco meno di 230 euro, circa 100 euro pro capite, per un valorecomplessivo intorno ai 3,5 miliardi di euro.

ECCO ALCUNI CONSIGLI DI FEDERCONSUMATORI PER EVITARE POSSIBILI TRUFFE

1. Prima dell’avvio dei saldi verificare il prezzo dei prodotti che si vogliono acquistare e, sepossibile, fotografare la cifra con il telefono cellulare. In questo modo si avrà una prova certa delprezzo di partenza e sarà quindi possibile valutare la reale convenienza dello sconto;

2. Non fermarsi al primo negozio che si incontra ma confrontare i prezzi applicati in diversi puntivendita, cercando di orientarsi verso prodotti di cui si ha reale necessità;

3. Diffidare delle vetrine coperte da manifesti che non consentono di vedere la merce e di negoziche applicano sconti eccessivi, pari o superiori al 60% (un buon prezzo a saldo dovrebbe aggirarsiattorno al 40% di sconto);

4. Controllare accuratamente il cartellino, su cui devono essere obbligatoriamente riportati, inmodo leggibile, sia il vecchio prezzo che quello nuovo, oltre alla percentuale dello sconto;

5. I prodotti a saldo devono essere sì di fine stagione, ma dell’anno in corso e non delle stagionidegli anni passati! I prodotti di risulta o di magazzino devono essere venduti separatamente daquelli in saldo;

6. Anche se il cambio del prodotto non è obbligatorio ma a discrezione del negoziante, conservarelo scontrino quale prova di acquisto. Lo scontrino è infatti essenziale in caso di merce fallata o nonconforme, poiché vincola il commerciante alle norme di legge relative alla garanzia di sostituzioneo al rimborso della somma pagata;

7. I commercianti non sono obbligati a far provare i capi di abbigliamento, tuttavia il nostroconsiglio è di diffidare dei negozi in cui non sia appunto possibile provare tali capi;

8. Pagamenti: le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante.

9. Per problemi o “bufale” rivolgersi ai vigili urbani, all’ufficio comunale per il commercio o adun’Associazione di consumatori.

bruno albertinelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore