Salute in Valle d'Aosta | martedì 20 agosto 2019 23:29

Salute in Valle d'Aosta | 30 giugno 2019, 13:00

Presidio sindacale al Parini e al Beauregard contri i ticket sanitari

No ai ticket! Sarà la prima di quattro iniziative dove SPI Cgil, FNP Cisl, SAVT Retraites, UIL Pensionati saranno in prima linea per dire Basta ai ticket. Si inizierà con un presidio e il volantinaggio martedì 2 luglio alle 7.30 davanti all'ospedale Parini, che si ripeterà mercoledì 3 luglio davanti al Beauregard sempre alle 7.30.

“Siamo la regione d'Italia con la spesa più alta per quanto concerne il pagamento dei ticket. Un primato che non fa onore a una regione a statuto speciale, se si pensa a regioni ordinarie che hanno abolito o ridotto fortemente questa tassa sulla salute”. I sindacati dei pensionati valdostani motivano così la giusta protesta.

“È inammissibile – continuano le organizzazioni sindacali – che sempre più persone abbiano rinunciato a curarsi in questi anni e che sempre più servizi e prestazioni sanitarie siano erogate solo pagando i ticket. È inaccettabile che la spesa pro capite per i ticket in Valle d'Aosta sia quasi il doppio della media italiana e che in Valle d'Aosta si continuino a pagare i ticket sui farmaci, quando in Piemonte e in altre regioni sono stati aboliti”. (nella foto l'assessore Baccega entrato nel mirino dei sindacati)

E in conclusione dicono i sindacati: ”La sanità deve essere finanziata attraverso le tasse che già paghiamo. I cittadini non devono pagare due volte!”.

L'azione di protesta dei sindacati continuerà con iniziative che riguarderanno anche le liste d'attesa, le leggi sull'invecchiamento attivo e sulla non autosufficienza.

Il tutto in attesa che l'assessore regionale Mauro Baccega oltre ad occuparsi di partecipazioni sporti si preoccupi della precarietà del servizio sanitario valdostano che funziona unicamente per le professionalità e dedizione dei dipendenti dell'Usl.

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore